In moto veritas

In moto veritas

Mercoledì, 31 Agosto 2016 12:18

Brutti, sporchi e gentili

di
Già alla fine degli anni Novanta l'Esercito Italiano, delle motociclette, non sapeva che farsene. All'inizio della primavera del '94, insieme agli altri del mio scaglione bighellonavamo tra i capannoni già mezzi dismessi del nostro reggimento, a Gradisca. Vivevamo i mesi languidi della fine della naia, affacciandoci sull'estate con sguardi avidi. Pregustavamo libertà, serate alcoliche e arrembaggi erotici. Come se l'anno di servizio militare fosse stato avaro di fremiti giovanili. Non sapevamo ancora che il disarmo non avrebbe riguardato solo noi,…
Domenica, 22 Maggio 2016 11:52

Hai voluto la bicicletta?

di
Provate ad immaginare uno spot televisivo in cui la Fir (Federazione italiana rugby), per promuovere l'immagine della nostra nazionale al torneo delle Sei Nazioni, metta in contrapposizione calcio e rugby definendo quest'ultimo come il "vero gioco di squadra". Senza mai nominarlo, con un gioco di sottintesi, il calcio verrebbe etichettato come l'antitesi dello sport, ricorrendo a cliché piuttosto banali. Argomenti facili, buoni per la classica conversazione da bar. I valori in gioco sarebbero opposti: disonestà sul campo per i calciatori,…
Lunedì, 02 Maggio 2016 14:37

Mettetevi in moto

di
Appena quattordicenne, durante i mesi del catechismo che mi stavano preparando alla comunione, mentii spudoratamente a mia madre sui miei programmi del pomeriggio e insieme ad un manipolo di piccoli farabutti, anziché la sagrestia di Arischia raggiunsi la diga di Ortolano con il mio Califfone Rizzato. Bei panorami a parte, un luogo di scarso interesse se non la posizione per noi remota e per questo irresistibile. Ragionando in scale adolescenziali, negli anni Ottanta, due leggere protuberanze sotto una felpa Best…
Mercoledì, 23 Dicembre 2015 15:16

Quando una strada muore

di
Gran Sasso, fine estate 2013, esterno pomeriggio. Sotto un cielo che sembra una colata di piombo fuso, una decina di Harley-Davidson d'epoca si inerpicano sulla Strada Regionale 17 bis/C, direzione Campo Imperatore. Doveva essere un'estate così quando da qualche parte qualcuno, senza sapere che quelle parole sarebbero state tramandate in eterno senza sprecare una sola goccia d'inchiostro, ha pronunciato per primo la frase "a L'Aquila ci fanno undici mesi di freddo e uno di fresco". Le vecchie moto americane si…
Lunedì, 12 Ottobre 2015 15:06

Non è vero ma ci credo

di
Alla fine di una settimana che ci è parsa lunga un mese, la prima verità ce la racconta César, un autista di taxi messicano che lavora a Chicago. Abbiamo viaggiato in sella per 3mila chilometri in sei giorni, metà del tempo normalmente necessario a percorrere la Route 66, le moto le abbiamo quindi lasciate in albergo. Ci resta giusto qualche ora da trascorrere a Windy City e vogliamo farlo in santa pace, senza preoccuparci del parcheggio o dei bagagli legati…
Venerdì, 21 Agosto 2015 07:14

Passione a rischio

di
Mobilità e motocicletta hanno in comune solo le lettere iniziali, nonostante una marea di argomenti a favore della tesi contraria. Spostarsi nel traffico stando su due ruote piuttosto che su quattro è senz'altro più utile e pratico, ma sarebbe ancora più utile e pratico evitare il traffico usando mezzi pubblici o la bicicletta, e in ultima sintesi, meglio ancora sarebbe andare a piedi. Last but not least, la motocicletta consuma poco e meglio: anche quelle euro zero emettono meno gas…
Venerdì, 12 Giugno 2015 16:33

Torno subito

di
Stagioni e strade, vissute in sella alla moto in una città come la nostra possono essere riconosciute a naso. Avere la possibilità di annusare l’aria come fanno i cani affina un senso sempre pronto ad ogni esperienza come l’olfatto. I cani: amano andare in macchina ma preferiscono farlo a finestrino aperto, mettono il muso fuori e i luoghi si preannunciano al loro tartufo umido attraverso molecole odorose, osservandoli si capisce cosa accade nella loro mente, si intuiscono i movimenti dei…
Venerdì, 03 Aprile 2015 14:55

Chi Vespa mangia le mele

di
La fauna dei motociclisti italiani, presa nella sua interezza, può essere poi suddivisa in una infinità di sottospecie a loro volta poi accomunate da alcune peculiarità, ma non si tratta di una differenziazione generata solo dall’estrazione del mezzo. Entrano in gioco altri elementi come l’attitudine, il background culturale, il gusto personale. Argomento molto interessante e ricco di spunti, del resto a sua volta applicabile alle realtà locali: anche L’Aquila vanta una certa diversificazione di centauri, ma la questione merita un…
Martedì, 10 Marzo 2015 17:13

La prima volta

di
Qualche giorno fa, in maniera del tutto casuale, ho scoperto che la mia prima vera motocicletta, venduta decenni orsono, giace ancora in una rimessa di paese, seppellita da una catasta di legna insieme ad altre masserizie che non si ha mai il coraggio di buttare via. Era una Cagiva rossa a cui penso ancora oggi, emozionandomi. Per vera e propria motocicletta intendo quella che per me, ma anche per tutti gli imberbi della mia età, si differenziava dal resto dei…
Martedì, 17 Febbraio 2015 16:30

Cuba va!

di
Un anno qualsiasi prima del 2009 visitai Cuba. Paolo Sormani, giornalista, amico e mentore e io, pianificammo il viaggio in cinque minuti, al telefono: “Andiamo a visitare Sergio Morales e los harlistas”. Sono passati quasi dieci anni, ma già allora una delle considerazioni a margine della decisione fu “prima che sia troppo tardi”. Le moto americane si erano cristallizzate al 1959 insieme a tutto il resto, uno degli effetti ancora tangibili della Revolución. E come tutto il resto, malgrado gli…
Pagina 1 di 2

 

Chiudi