Ju blogghe

Ju blogghe

La scuola, la vita quotidiana, le passioni, questa strana strana città vista dagli occhi di due giovani liceali aquilane.

"Anche se noi ci crediamo assolti siamo lo stesso coinvolti"

Ricordate "ju blogghe", rubrica delle due liceali aquilane Beatrice e Letizia? Il tempo passa anche per loro. Se Beatrice si è diplomata l'estate scorsa e sta affrontando il suo primo anno di università a Bologna, Letizia ha aderito ad "Erasmus student", noto programma dell'Unione Europea volto a favorire lo studio all'estero degli studenti universitari. La nostra si trova a Dublino già da un mese, e ha deciso di raccontare sulle pagine del caro vecchio blog la sua esperienza in Irlanda.…
Lunedì, 04 Agosto 2014 15:39

La nostra Itaca

di
"... Itaca tieni sempre nella mente.La tua sorte ti segna quell'approdo.Ma non precipitare il tuo viaggio.Meglio che duri molti anni, che vecchiotu finalmente attracchi all'isoletta,ricco di quanto guadagnasti in via,senza aspettare che ti dia ricchezze. Itaca t'ha donato il bel viaggio.Senza di lei non ti mettevi in via.Nulla ha da darti più. E se la ritroverai povera, Itaca non t'ha illuso.Reduce così saggio, così esperto,avrai capito che vuol dire un'Itaca". Con questa poesia di Costantino Kavafis i miei compagni di…
Venerdì, 28 Febbraio 2014 16:09

Il nostro ultimo anno

di
di Beatrice Marsili - Diciamoci la verità, da che mondo è mondo il quinto anno delle superiori vuol dire quattro cose: 1) Potere sui piccoli: non parlo di violenza, nè di truci rituali di immatricolazione ma semplicemente di occhi puntati a terra quando arrivi in bagno, fonte inesauribile di autostima;2) Esami di Stato: visti come una sorta di patto con il diavolo, come se la commissione d'esame fosse un mostro che compra la stabilità psico-fisica dei maturandi in cambio del…
Amico mio, un altro anno è iniziato, tu sei ripartito e le cose sembrano uguali a sempre. Con il tuo treno di prima mattina se ne torna al buio una parte di me; sai di quale parte parlo, ti ricordi quante volte mi hai ripetuto che tu, quella parte di te, non riuscivi proprio a farla tacere. Sapessi quante volte torna a gridarmi contro, a dirmi "non hai futuro qui, scappa!". Ma oggi, amico mio, rispondo a quella parte di…
Martedì, 07 Gennaio 2014 10:04

La nostra surreale realtà

di
Queste per me sono state delle vacanze surreali, o, per meglio dire, delle vacanze seguite da una surreale presa di coscienza. A Natale ero a Berlino, malaticcia ma pur sempre capace di apprezzare le dolci normalità di una capitale europea. Capace di percepire la gioia delle famiglie attraverso gli odori delle bancarelle natalizie; capace di camminare in centro apprezzando la mancanza dei militari; capace di osservare la gioia dei vecchietti che si crogiolano davanti a un timido sole invernale accompagnati…
Da qualche giorno le bacheche Facebook di tutta Italia si sono riempite di grandi opere degli artisti più svariati, da Klimt a Dalì, passando per Friedrich e Turner. Merito di un'iniziativa lanciata nel Social Network, che recita “Questo è un gioco per mantenere viva l’arte. Se clicchi ‘mi piace’ ti assegnerò un artista. Non importa se non conosci le sue opere, cerca su Internet, scegli quella che ti piace di più e pubblicala su FB.” Le origini sono da attribuire…
Giovedì, 24 Ottobre 2013 11:42

Sono solo una ragazzina

di
Sono solo una ragazzina. Sono solo una ragazzina e quando ascolto il telegiornale mi viene da vomitare. Sono solo una ragazzina e non mi sento rappresentata. Sono solo una ragazzina e ho disgusto per la corruzione e l'abuso di potere. Sono solo una ragazzina e mi sento impotente. Impotente perchè vorrei poter cambiare qualcosa in questa città, in questo Paese. Impotente perchè so che mai conterò nulla in questo posto; mai cambierò la mentalità delle persone e mai mi riuscirà…
Le facciate dei palazzi del Corso tornano, in colori sgargianti e nuovi, che quasi ci si domanda “Ma prima com'erano?”. Un processo di rinascita lento, incostante e soprattutto incerto. Così chi come me quattro anni fa aveva appena iniziato a conoscerla, L'Aquila, è costretto a prendere i ricordi più limpidi e a sommarvi le impressioni presenti. In tal modo i grissini della Perla Nera all'uscita di scuola, il profumo dei cornetti lungo il corso alle 8 di mattina, “quelli del…
Studi per quattro anni al Liceo Classico, scuola notoriamente complicata, noiosa e teorica fino al limite dell'immaginabile e a un certo punto arrivi a quel fatidico giorno, a notte fonda, quando stai decifrando versi in una scrittura che diventa sempre più incomprensibile e ti chiedi: "ma i Greci sono esistiti davvero o sono un'invenzione dei libri di testo?". E poi ecco che, un altro giorno, ti dicono che è confermata la gita di quattro giorni in Sicilia. Un diciottenne normale…
Venerdì, 10 Maggio 2013 11:02

La mia città

di
Nella mia città camminando per il centro si incontrano centinaia si persone allegre. Nella mia città il principale argomento di discussione non è "il terremoto". Nella mia città non si è mai vista una camionetta militare. Nella mia città per spostarci abbiamo un'efficientissima rete di mezzi pubblici... E non vanno solo a Paganica. Nella mia città i tassisti non puzzano di Sambuca. Nella mia città il dibattito politico è variegato e costruttivo. Nella mia città non ci sono iniziative che…
Pagina 1 di 2

 

Chiudi