Venerdì, 20 Luglio 2018 14:29

Vedo film, scrivo cose e altre amenità settimanali

di 
Fotogramma dal secondo episodio di ‘Trump Bites’ di Bill Plympton Fotogramma dal secondo episodio di ‘Trump Bites’ di Bill Plympton

FILM & SDRAIO - Dove si trova l’ultimo negozio della catena Blockbuster negli Stati Uniti? A Bend, in Oregon informa IlPost.it, dicendo che altri due, in Alaska, stanno chiudendo definitivamente in questo luglio. In Italia lo smantellamento è avvenuto a partire dal 2011, il noleggio di dvd e vhs appare preistoria rispetto alle mille occasioni che offre oggi lo streaming. E FilmTv dedica uno speciale al tema censendo le principali piattaforme che d’estate possono essere utili vista la desolazione di palinsesti e sale. Iniziamo con il canale gratuito di Raiplay dove rivedere le produzioni della tv di Stato italiana. Poi, volendo raggruppare per aree le segnalazioni, ci sono i canali più cinefili come Chili che propone alcune anteprime cinematografiche, Mubi, preziosa fonte di film non distribuiti in sala ma visti ai festival, mentre Rakuten Tv sta investendo anche in produzioni originali, The Film Club e The Open Reel propongono soprattutto produzioni indipendenti, VVVVID l’unica gratuita con una predilezione per le ‘anime’, le altre piattaforme citate sono invece tutte a pagamento, insieme alle più conosciute:  Facebook Watch, Infinity, TimVision, Youtube, MyMovies Live, Netflix, Now Tv (un pezzo di Sky), Amazon Prime Video.

CRITICITÀ - Paolo Mereghetti su Il Piccolo intervistato da Beatrice Fiorentino parla del suo mestiere ‘mi capita di leggere colleghi che sembrano più preoccupati di dimostrare quanto sono bravi, piuttosto che di rendere un buon servizio al film spiegandolo ai lettori…Il mio compito è aiutare le persone a comprendere meglio il cinema e quindi ad amarlo e a frequentarlo di più’. A proposito di critici di professione il movimento Time’s Up in collaborazione con l’Annenberg Inclusion Initiative Stacy L. Smith annuncia la creazione di un database inclusivo di critici e critiche cinematografici statunitensi per bilanciare il predominio di uomini bianchi. La piattaforma si chiamerà Critical e raccoglierà i curriculum di freelance donne e appartenenti a minoranze, se statunitensi si può scrivere qui: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. . Poi nel settore si fa largo la concorrenza dei robot, il Giffoni Film Festival, storica manifestazione dedicata al cinema per ragazzi, inserisce Pepper tra i giurati; progettato da SoftBank Robotics, l’androide esemplificherà  per il pubblico  le applicazioni dell’intelligenza artificiale.

SESSUALMENTE S-CORRETTO - Scarlett Johansson ha rinunciato ad interpretate il ruolo di transessuale in un film a causa delle pressioni della comunità transgender, visto che le organizzazioni LGBTQ hanno protestato chiedendo che la parte fosse assegnata ad un attore LGBTQ. Guai anche per il New York Times per un filmato di animazione realizzato dal vignettista Bill Plympton che ritrae Trump e Putin come un’amorosa coppia in luna di miele su un’auto unicorno. L’accusa è di aver considerato essere gay un insulto o una debolezza. In entrambi i casi ci si interroga sui limiti del politicamente corretto.

SCENEGGIATURE MAI REALIZZATE - Di Ingmar Bergman viene pubblicata per Il Megangolo la sceneggiatura di una serie tv commissionata dalla Rai sugli ultimi giorni della vita di Gesù che il regista svedese vedeva come «un essere umano che parla ad altri esseri umani e che vive e muore nel mondo dell’uomo», ‘ma è proprio questa lettura «umana» che intimorisce la direzione democristiana della Rai dei primi anni Settanta e censura Bergman a favore di Zeffirelli’ racconta Aldo Garzia su Il manifesto. Di Stanley Kubrick, grazie a Nathan Abrams docente della Bangor University, è stata ritrovata una sceneggiatura considerata perduta: la storia di un’amicizia tra un uomo e un ragazzino usato come mezzo dall’adulto per conquistare la madre, è l’adattamento di un racconto di un autore austriaco dal titolo Bruciante segreto. Chissà se verrà usata per un prossimo film.

AMENITÀGeorge Clooney non si rivarrà sull’uomo che ha causato l’incidente in motorino in Sardegna per il quale l’attore ha avuto problemi a un ginocchio. Sempre Clooney risulta nella classifica  di Forbes dedicata alle ‘celebrità’ il secondo più ricco con i suoi 239 milioni l’anno dopo il pugile Floyd Mayweather con 285 milioni di dollari. Fonte della sua ricchezza sono sia il lavoro di attore sia la vendita, nel 2017, della Casamigos, la casa di tequila da lui fondata insieme ad altri. È stata presentata un’app per i casting: trova possibili candidati con tratti somatici adatti per una parte, si chiama ‘La faccia giusta’ ed è sviluppata da una società italiana.

Tratto da: Hai letto di… #14 - frankenstein discrezionale di notizie di cinema, 15-20 luglio.

Articoli correlati (da tag)

  • Cauto MeToo e marilynizzazioni
    RICADUTE E LENTE DISINTOSSICAZIONI – Il movimento #MeToo dopo un anno dal caso miliare del produttore hollywoodiano Harvey Weinstein. Massimo…
  • Le condizioni ideali non esistono più
    NAVIGAZIONE A VISTA – Volete farvi un’idea su un paio di film prima di andare a vederli leggendo recensioni in…
  • Battaglie a cuscinate
    SONO SOLO FILM - ‘Non capisco come voi liberal siate riusciti a farvi fregare da noi rivoluzione populista. Doveva essere…
  • Derive idiote
    Quando stiamo andando su questa Tera?* DUBBI - ‘Il cinema forse vuole sfuggire all’eternità, vuole continuare a cambiare, essere sintonizzato…
  • Mostra del cinema di Venezia: le puntate precedenti
    CINEINDIGESTIONE - In tutto 3200 giornalisti accreditati alla Mostra internazionale d’arte cinematografica; seguendo il diario veneziano sulla stampa i giorni…
Chiudi