Martedì, 13 Febbraio 2018 11:06

L'Aquila: è morto lo storico Alessandro Clementi

di 

E' morto il professor Alessandro Clementi.

Nato nel 1927 all'Aquila, Clementi aveva insegnato a lungo Storia medievale nella locale università.

Tra le sue opere ricordiamo: l'edizione critica degli Statuta Civitatis Aquile nelle Fonti per la Storia d'Italia edite dall'Istituto storico italiano per il Medioevo, la raccolta di saggi Momenti del Medioevo abruzzese (Roma 1976), L'Arte della lana in una città del Regno di Napoli (L'Aquila 1979), L'incastellamento negli Abruzzi (Colledara 1996), L'Aquila. La città nella storia d'Italia.

Per volontà della famgilia, i funerali del professor Clementi si svolgeranno in forma privatissima.

Il cordoglio del sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi

"La notizia di questa immane perdita per la nostra città e per tutto il mondo della cultura – ha dichiarato il primo cittadino – ci trova impreparati, costernati e profondamente colpiti. Alessandro Clementi è stato una colonna portante del nostro Ateneo, quale professore ordinario di Storia Medievale, e un esponente di spicco della comunità scientifica. Storico appassionato, scrupoloso, rigoroso nella ricerca quanto brillante nell'esposizione".

"Il suo contributo agli studi di abruzzesistica è stato di enorme portata, sia in relazione alla grande quantità di materiali prodotti e di scritti pubblicati, sia in riferimento alla rilevanza innovativa. Fu tra i firmatari dell'Atto Costitutivo del Teatro stabile d'Abruzzo, nel 1963, ed era solito ricordare con lucidità, entusiasmo e nostalgia quegli anni straordinari di fermento e vivacità culturale nella nostra città. Anni in cui, da frequentatore abituale della Biblioteca provinciale "Salvatore Tommasi", era solito incontrare Ignazio Silone, a sua volta presenza frequente nella Tommasiana".

"È di pochi anni fa – ha ricordato ancora il sindaco – un suo straordinario intervento in una puntata speciale del Tg2, dedicato all'Aquila, quando, felice e commosso, accompagnò il cronista a visitare palazzo Pica, dove si trovava la casa nella quale aveva sempre vissuto, spiegando la storia e le vicissitudini di questo luogo così carico di significato e di pregio artistico".

"Grande amante della montagna e profondo conoscitore del territorio, è stato animatore di importanti ricerche a cura del bollettino del Cai. Legatissimo alla nostra città, il professor Clementi è rimasto, fino alla fine, giovane nell'animo, nella volontà e nello spirito, – ha concluso Biondi – e ogni suo intervento, in pubblico o in privato, era fonte di arricchimento per chiunque avesse modo di ascoltarlo. Straordinario è il suo lascito, culturale e morale, per tutti noi, e perenne sarà il suo ricordo. Alla figlia Fausta e a tutta la famiglia Clementi giungano, in questo giorno di lutto, le più commosse condoglianze mie personali e della Municipalità aquilana tutta".

 

Il cordoglio di Stefania Pezzopane

La senatrice Sefania Pezzopane esprime "profondo cordoglio per la scomparsa dello storico aquilano Alessandro Clementi. “E' una perdita grave e dolorosa per la nostra città e per il mondo della cultura. Il prof. Clementi è stato un importante punto di riferimento per la comunità culturale e scientifica della nostra città. Profondo conoscitore e attento studioso della storia dell'Aquila, Clementi ha dato un contributo eccezionale agli studi sulla nostra regione. Oltre ad essere uno straordinario studioso , è stato per decenni un divulgatore di conoscenza, di storia e di identità culturale. Sono vicina ai suoi familiari, a cui invio le più sentite condoglianze".

Ultima modifica il Martedì, 13 Febbraio 2018 17:27
Chiudi