Mercoledì, 19 Aprile 2017 18:50

Mostra fotografica sui crimini fascisti in Jugoslavia durante la Seconda Guerra Mondiale

di 

Dal 22 al 30 aprile si terrà presso Casa Onna (L'Aquila) una mostra documentaria dal titolo "Testa per dente - Crimini fascisti in Jugoslavia 1941 - 1945".

"Lo scopo della mostra" si legge in una nota degli organizzatori "è fornire uno strumento didattico e culturale che serva da stimolo per colmare un grave "vuoto" di in-formazione nella memoria storica collettiva, soprattutto presso i giovani".

"Le verità sulle tragiche vicende legate alle avventure imperialiste del fascismo italiano (in particolare quelle verso la sponda orientale dell'Adriatico), pur essendo note da tempo fra gli studiosi più attenti, sembrano essere continuamente rimosse (per non dire censurate) da parte degli organi più o meno ufficiali di informazione e divulgazione nella nostra Repubblica democratica".

"Sta dilagando invece, sotto l'ambiguo nome di revisionismo, la sistematica manipolazione dei fatti (negati, inventati, destrutturati ecc., a seconda dei casi), nel tentativo, tutto politico, di sostituire alla storiografia scientifica e critica una mitologia utile a garantire il consenso sociale intorno ai gruppi dominanti, specie in periodi di crisi come l'attuale. Si sa, questi metodi sono antichi; ma oggi la loro efficacia è legata all'uso monopolistico delle tecnologie mediatiche, vere armi di distrazione di massa delle intelligenze e della coscienza civile".

"Questa mostra vuol essere un passo (piccolo ma, speriamo, significativo) nella direzione opposta: aiutare gli italiani di oggi a imparare dalla storia per non ripetere gli stessi errori, e a ricuperare quei valori della Resistenza antifascista che (al di là della retorica ufficiale) non sono mai stati realmente e coerentemente perseguiti dalla classe di governo – a partire dai mancati processi ai criminali di guerra; passando per i segreti sulle stragi di Stato, sui tentativi golpisti, sulle infiltrazioni mafiose; fino allo "svuotamento" (sostanziale prima che formale) della stessa Costituzione (divisione dei poteri, ripudio della guerra, diritti del lavoro, giustizia sociale, difesa ambientale ecc.): oggi lo Stato è sottoposto di fatto alle "leggi del mercato", con evidenti pericoli di degenerazione autoritaria. Ma le vere risposte potranno darle solo le lotte".

Ultima modifica il Lunedì, 24 Aprile 2017 16:12
Chiudi