Economia

Continuano a soffrire le imprese abruzzesi, malgrado i fievoli segnali di ripresa economica certificati dagli istituti statistici e di ricerca. Il Registro delle Imprese delle Camere di commercio ha rilevato in Abruzzo al 31 dicembre 2016 uno stock di 148.161 imprese registrate e durante l'anno l'apertura di 8.327 nuove imprese e la cessazione di 8.024 (senza considerare le cancellazioni d'ufficio), con un saldo positivo di 303 imprese. È stato così osservato un tasso di crescita del +0,2%, inferiore a quello…
"Ci tengo a esprimere la solidarietà del Governo alle popolazioni colpite dalla drammatica ondata di maltempo delle settimane scorse, che si è poi combinata con un ulteriore appesantimento sul fronte dell'emergenza terremoto; credo sia importante riflettere su come il 'Patto per l'Abruzzo' possa aiutare a ridare una speranza anche alle popolazioni che più sono state colpite". Lo ha detto il ministro per la Coesione territoriale e il mezzogiorno, Claudio De Vincenti, a margine della riunione del Comitato d'indirizzo e controllo…
La Giunta regionale ha approvato, nella seduta di ieri sera, il riaccertamento dei residui 2014 e la proposta di legge sul rendiconto generale per l'esercizio finanziario 2014, che registra una diminuzione del disavanzo di amministrazione di quasi 50 milioni di euro rispetto all'anno precedente. Il dato accertato si attesta a 721 milioni di euro, a fronte dei 770 evidenziati nel rendiconto 2013 (licenziato ieri dalla Commissione Bilancio del Consiglio regionale, nei prossimi giorni arriverà in Aula per l'approvazione definitiva). Nella…
Il ministero dell'Ambiente ha dato il via anche quest'anno all'Iniziativa carburanti a basso impatto (Icbi), che prevede ecoincentivi per la trasformazione delle automobili in veicoli a metano e gpl. Icbi è il frutto di un accordo di programma tra ministero e più di 600 comuni aderenti, tra i quali Parma è capofila. E' possibile chiedere da 500 a 1000 euro di incentivo, a seconda della classe energetica della propria autovettura e dell'utilizzo (privato o commerciale). Una quota parte sarà coperta…
Per mercoledì 1 febbraio, da Slc Cgil Fistel Cisl Uilcom Uil nazionali, è stato proclamato uno sciopero nazionale per l’intera giornata nel settore delle telecomunicazioni. Al centro della protesta il “rinnovo del contratto di lavoro e la distanza tra le proposte presentate in piattaforma dalle Organizzazioni sindacali e le richieste di Asstel, l’associazione di categoria che, nel sistema di Confindustria, rappresenta le imprese del comparto”. Lo sciopero è volto a protestare contro gli orari di lavoro, il part‐time, gli scatti…
Pagina 6 di 116

 

Chiudi