Economia

E siamo alla quarta variazione di bilancio, deliberata dalla Giunta comunale il 29 novembre scorso e approvata a maggioranza, stamane, dalla Commissione competente, con il voto contrario dei consiglieri Giorgio De Matteis, Angelo Mancini, Emanuele Imprudente, Luigi D'Eramo, Gianni Padovani e Giuseppe Ludovici; astenuto Antonio Nardantonio. Una variazione da 4 milioni di euro che, a questo punto, arrivati a metà dell'ultimo mese dell'anno, definisce finalmente il bilancio compiuto del Comune dell'Aquila. Ne abbiamo scritto diffusamente, in passato: approvare un bilancio…
Sette contratti di sviluppo locale per un investimento complessivo di 21.5 milioni di euro. Nel pomeriggio, i rappresentanti di sette aziende abruzzesi - risultate beneficiare di bando pubblico - hanno sottoscritto con il vicepresidente della Giunta regionale Giovanni Lolli l'atto di cofinanziamento dei singoli progetti di investimento. La sottoscrizione dei contratti di sviluppo locale chiude il bando del programma Par-Fsc pubblicato alla fine del 2015 per il quale sono stati previsti finanziamenti pubblici per 6 milioni di euro. "Anche su…
Sono 17 i posti di lavoro a rischio nel solo stabilimento di Cagnano, all'interno di un piano nazionale della Cementir che prevede un centinaio di licenziamenti. C'è l'impegno del sindacato, manca però la volontà politica delle istituzioni di mantenere gli impegni presi. "I lavoratori del cementificio sono delusi - sostiene Pietro Di Natale, Segretario Interregionale della Filca Cisl Abruzzo e Molise - per la mancata convocazione del tavolo di concertazione tra Cementir e organizzazioni sindacali da parte della Regione Abruzzo e del…
"Al governatore Luciano D'Alfonso non importa se 560 lavoratori all'Aquila rischiano di perdere il posto di lavoro, ma non è una novità". Così in una nota Luigi D'Eramo, Emanuele Imprudente e Daniele Ferella, consiglieri comunali aquilani di Noi con Salvini, sulla delicata questione del contact center Inps-Inail-Equitalia che, col nuovo bando di gara per l'assegnazione della commessa, potrebbero perdere il posto di lavoro. "Nonostante anche il Partito Democratico aquilano e non solo si sia 'svegliato' su questa vicenda che potrebbe…
E' ufficiale: 120 imprese aquilane dovranno restituire le tasse non versate per i danni subiti dal terremoto del 6 aprile 2009. A nulla sono valse le battaglie e le proteste, anche veementi, portate avanti, in questi anni, dalle associazioni di categoria e dalle istituzioni locali. L'Unione Europea è stata inflessibile: gli abbattimenti fiscali concessi dopo il sisma di sette anni fa superiori alla soglia dei 200 mila euro (quella del de minimis) equivalgono ad agevolazioni sul mercato, cioè ad aiuti…

 

Chiudi