Lunedì, 11 Dicembre 2017 14:37

Il presepe a Villa Gioia

di  Redazione

Richiamando le violenze subite dai cristiani nel mondo che rendono necessario le comunità "si mobilitino in difesa del diritto di professare la propria fede e i propri valori", nei giorni scorsi i consiglieri di centrodestra Daniele D’Angelo (Benvenuto presente), Roberto Junior Silveri e Giancarlo Della Pelle (Forza Italia) hanno presentato un ordine del giorno affinché venga esposto un presepe "in tutte le sedi comunali, istituzionali e delle aziende partecipate del Comune dell’Aquila".

Il presepe - si legge nel documento - "oltre ad essere un elemento fondamentale della nostra cultura e della nostra tradizione, rappresenta uno straordinario messaggio di pace, serenità, civiltà e convivenza tra i popoli, oltre che di speranza, soprattutto per le nuove generazioni. Inoltre, l’esposizione di simboli religiosi in luoghi pubblici non contrasta con la laicità delle istituzioni", viene sottolineato. "Appare dunque opportuno responsabilizzare ciascun componente del Consiglio, quale rappresentante della cittadinanza, nel testimoniare l’identità culturale e religiosa della nostra comunità tanto più che, al suo interno, grazie all’iniziativa di associazioni e privati cittadini, ormai da anni vengono allestiti presepi in luoghi pubblici".

Ora, l'ordine del giorno dovrà arrivare a discussione nel prossimo Consiglio comunale; intanto, alcuni consiglieri di centrodestra - così si vocifera - si sono portati avanti con il lavoro e hanno esposto un presepe nella sede di Villa Gioia, laddove si riunisce il Consiglio comunale, massima assise civica cittadina. Il risultato, però, ha lasciato parecchio a desiderare, tra l'ironia dei consiglieri - di maggioranza e d'opposizione - che stamane si sono ritrovati il presepe all'ingresso della sede comunale. 

Chiudi