Inchieste

La storia di Sikandar, un ragazzo di 21 anni dell’Afghanistan che ora vive all’Aquila come rifugiato politico, è simile a quella degli altri ragazzi accolti nel Progetto Sprar: viaggi lunghissimi per raggiungere l'Italia, lo sfruttamento subìto dai trafficanti che controllano le rotte migratorie, il costante pericolo cui si è esposti, le difficoltà connesse all’esistenza nel paese di approdo. Ilaria Carosi, psicologa e psicoterapeuta che cura per l’Arci il sostegno psicologico a richiedenti asilo e rifugiati accolti nello Sprar, partendo proprio…
"Nel mio Paese non finisce la guerra perché c'è da quando ero piccolo. Per 19 anni ho sempre visto guerra, guerra, guerra. Prima è arrivata la Russia a fare la guerra...non finisce la guerra". Sikandar ci lascia senza fiato quando gli chiediamo cosa ne pensa delle situazioni di conflitto in Afghanistan. E' normale? gli chiediamo. "Sì, è normale". Sikandar viene dall'Afghanistan, ha 21 anni e un'aria timida ma adulta. Parla in italiano, ricorrendo di tanto in tanto all'interprete. Sta facendo…
"C'è un detto nel mio paese: la zappa è molto leggera, la penna è molto pesante. In Costa d'Avorio ho iniziato a lavorare nei campi come agricoltore a 15 anni e non sapevo leggere nè scrivere. Qui in Italia sono andato a scuola per la prima volta e all'inizio la maestra mi aiutava a tenere la penna in mano. Adesso è tutto diverso. Per me ora la penna è molto leggera, la zappa è molto pesante". Quando incontro Ali per…
Asufian ha lasciato il Bangladesh due anni fa. Ha 19 anni e lì vivono ancora sua moglie e suo figlio. Quando gli chiediamo del suo Paese ci accenna ad una guerra sociale e ai problemi politici che lo hanno costretto, insieme alla famiglia, a lasciare il villaggio in cui era nato. Asufian ha voglia di viaggiare, di scoprire il mondo, ma il suo Paese continua a portarlo dentro: dalle ricette tipiche che cucina per i suoi amici, alla voglia di…
di Silvia Santucci ed Eleonora Fagnani - Secondo le previsioni della Commissione europea entro il 2017 circa tre milioni di richiedenti asilo arriveranno nel vecchio continente. Le stime si basano sul fatto che le questioni che hanno generato il flusso nel 2015 sono tuttora irrisolte. Non solo la guerra in Siria, ma anche le situazioni estremamente difficili in altri paesi come Iraq, Afghanistan, Bangladesh, costringono all'esilio milioni di persone. Etichettata dal gergo giornalistico "emergenza migranti", la più grande crisi umanitaria…
Chiudi