Interviste

Diritto all’abitare, diritto alla città. Sabato 4 maggio, alle ore 16 in piazza Palazzo, arriva la Costituente dei beni comuni. Un evento organizzato da Appello per L’Aquila e il comitato 3e32, la prima tappa di un viaggio in giro per l’Italia promosso da Stefano Rodotà e Ugo Mattei.
Conoscersi e fare rete come primo passo per un percorso comune. NewsTown ha incontrato Stefano Buda, di 5euronetti - La rete dei freelance e precari dell’informazione abruzzese, che dopo alcuni mesi di lavoro e di monitoraggio della realtà del giornalismo locale, ha deciso di dar vita ad un confronto pubblico, che si terrà sabato 4 maggio a Pescara, dal titolo "Corto circuito - Politica e informazione: equilibri precari". Tratterà il tema della precarietà nel mondo del giornalismo, un "corto circuito…
Il 13 aprile, al Teatro Valle occupato, un’inedita alleanza tra giuristi, movimenti e comitati che ogni giorno praticano forme di autogoverno, ha aperto uno spazio politico nuovo che parte dal riconoscimento giuridico dei beni comuni e lancia una prospettiva di cambiamento radicale del sistema economico, politico e sociale del paese. Dalla esperienze degli spazi, delle lotte, delle soggettività che costruiscono conflitto, intelligenza politica e partecipazione, si sono avviati i lavori di una commissione di studio che lavorerà a partire dai…
Da qualche mese in città qualcosa di nuovo cattura il nostro sguardo nello spazio urbano. Sono i murales di Luca Ximenes, aquilano di 37 anni, l'autore di queste opere d'arte di strada. Due grandi disegni - sul muro di Collemaggio antistante il terminal, e su quello di Viale Ovidio davanti il circolo del tennis - che ritraggono il cantante londinese dei Clash Joe Strummer e il poeta italiano Edoardo Sanguineti. Entrambi di grande impatto visivo, queste opere sono esempi di…
“Mi sento come un pacco postale, senza destinazione. C’è il mittente, che è la mia vita di prima, non c’è però la destinazione. E’ un passaggio di consegne continuo, dalla vita normale alla tendopoli, dalla Guardia di finanza al Map. E ora si scopre che i moduli che dovevano proteggerci dal terremoto sono pericolosi. Se ti sistemano in un modulo abitativo provvisorio e scopri di vivere, invece, in un modulo abitativo pericolante, come fai ad andare avanti? Ci sentiamo traditi,…
Chiudi