Mondo

di Stefano M. Torelli* - Dopo gli attentati del 13 novembre scorso a Parigi, il terrore torna in Europa, in quello che è il suo simbolo istituzionale e politico: Bruxelles. Gli attentati contro l’aeroporto di Zaventem e la stazione della metropolitana di Maelbeek (non lontano dai luoghi fisici delle istituzioni europee) avvengono soltanto quattro giorni dopo l’arresto – sempre a Bruxelles – di Salah Abdeslam, il ricercato numero uno d’Europa per via del suo ruolo proprio negli attacchi di Parigi.…
Forti tensioni a Idonemi, in Grecia, dove dal mattino centinaia di migranti provenienti principalmente da Siria e Iraq hanno tentato di abbattere le recinzioni costruite al confine con la Macedonia. I migranti, che dalla Grecia tentano la "rotta balcanica" uscendo dall'Europa per poi cercare di rientrare alla frontiera austriaca, sono stati aggrediti dalla polizia che ha lanciato gas lacrimogeni. Uno scatto che narra la disperata voglia di sopravvivenza da parte delle migliaia di persone, che scappando dalla guerra in Siria…
Nel 2008 un giovane italiano ascoltò una hit del pop iraniano e pensò di "italianizzarla". Non di tradurla dalla lingua farsi all'italiano, come spesso accade nei blog specializzati sul web, ma di sottotitolarla in italiano in base all'assonanza fonetica con i versi cantati nella lingua persiana. Nacque Esce ma non mi rosica, video virale [in alto] che da anni gira sulla pagine dei social network e nel corso delle feste universitarie di tutta Italia. Nacque in quel periodo il filone…
In relazione alla scomparsa di Lemmy Kilmister, fondatore dei Motorhead, ospitiamo il ricordo smielato, duro, grezzo, volgare, intimo e personale di Juri Sielli, giovane musicista e collaboratore di news-town.it. di Juri Sielli - 20/06/2007: io e due mie amiche fuori dall'Olimpico di Roma. Qualche concertino lo avevamo vissuto, robetta. Stavamo per perdere la verginità musicale, sedotti da Lui, il più esperto Rockin' lover in attività. Non sarebbe stato solo un concerto, quel rombo di 70.000 watt ci avrebbe fatto trasfigurare…
Quello che oggi colpisce di più dei risultati elettorali in Spagna visti dall'Italia, probabilmente, è come vengono accolti da alcuni giornali che sottolineano in particolare l'avanzata dell'"anti-politica", termine rispolverato per l'occasione e che in alcune pagine dei quotidiani fa rima con il sistema europeo che "trema" e la "democrazia a rischio". Concetti espressi per esempio su La Repubblica dall'analista Andrea Bonanni e non dissimili da altri che si possono ritrovare su altri quotidiani legati all'area progressista italiana come l'Unità. Eppure…
Chiudi