News

Il rapporto dell'eurodeputato Soren Bo Sondergaard, che denuncia gli sprechi nella costruzione del Progetto case, ha sollevato svariate reazioni ma anche ricordi e analisi sulla popolarità, all'epoca, dell'intervento imposto dal governo Berlusconi. Subito dopo il sisma, infatti, di fronte a quella che il Ministro Barca tre anni dopo chiamerà "l'a-democraticità della ricostruzione", nacquero decine di comitati che chiedevano partecipazione nelle scelte e criticavano, tra l'altro, proprio il Progetto case. Come sono andate le cose? Il web in queste ore è…
"Qualsiasi idiota può superare una crisi; è il quotidiano che ti logora", scriveva a fine '800 Anton Čechov sui suoi Quaderni. Dopo più di cento anni, nel bel mezzo della recessione economica più imponente degli ultimi decenni, il concetto di 'crisi nel quotidiano' è ogni giorno più attuale. Anche in Abruzzo colpisce pesantemente, e per la prima volta non coinvolge solo le classi cronicamente emarginate e meno abbienti, ma anche una nuova classe media che vive per la prima volta…
"Ce l’abbiamo fatta. Nonostante l’ostilità del governo Letta, che continua a non mantenere le promesse fatte riguardo ai fondi stanziati per la ricostruzione, e nonostante la classe politica locale che continua ad accettare questa presa in giro passivamente, noi con una grande idea, abbiamo trovato i soldi necessari. Sono in corso trattative con il governo per convogliare i 2,25 miliardi di euro inizialmente previsti per la costruzione della tratta TAV Torino-Lione – già stanziati nella Legge di Stabilità 2012 e…
La domanda è talmente banale da non meritare alcuna risposta, evidentemente. Come mai l'amministrazione comunale ha deliberato l'affidamento della gestione ordinaria e straordinaria del progetto Case e Map - valutata in 9 milioni di euro annui dalla società di consulenza Snc Azioninnova - ad una Spa pubblica, partecipata per il 49% da un privato che si intedeva far scegliere alla stessa Snc Azioninnova, senza neanche prendere in considerazione il piano presentato dalla Asm che ipotizzava costi di gestione per 4milioni…
Prende una piega sempre più ambigua la questione delle assunzioni all'aeroporto dei Parchi tramite gli incentivi del bando "Lavorare in Abruzzo 3". La XPress, che gestisce lo scalo aquilano e ha ottenuto il finanziamento dalla Regione di 880mila euro, aveva annunciato, destando un certo stupore, che i 60 vincitori del bando di selezione (a cui avevano risposto in 3500), sarebbero stati impiegati per almeno due anni presso le sue sedi di Milano, Venezia, Bologna, Pisa, Bari, Cagliari, Lamezia Terme, Reggio…
Chiudi