Politica

E' partito verso le 10 il corteo della Fiom-Cgil da piazza della Repubblica, al quale stanno partecipando oltre 100 mila persone: lavoratori, metalmeccanici, esodati e molti giovani. In piazza c’è Sel, ci sono alcuni esponenti del Movimento 5 Stelle, c’è Stefano Rodotà con la costituente per i beni comuni che il 4 maggio ha fatto tappa a L’Aquila per la prima assemblea. Il Pd, invece, non c'è: “un’assenza”, ha detto Maurizio Landini, “che parla da sola”. “Il tema è il…
“Abbiamo ascoltato con grande sorpresa le tue dichiarazioni rilasciate domenica 12 maggio nell’edizione serale del TG3 Abruzzo. Non ci pare che esse descrivano correttamente il nostro lavoro di Consiglieri regionali, svolto sempre con grande rispetto di tutte le funzioni istituzionali”. E’ quanto si legge in una lettera firmata da Giovanni D’Amico e Giuseppe Di Pangrazio e inviata al sindaco Massimo Cialente. Che nell’intervista al Tg regionale si era chiesto che fine avessero fatto i consiglieri marsicani del Pd. E’ il…
Questa mattina, nella riunione della seconda commissione consiliare (ambiente e territorio), si è discusso di un protocollo d'intesa appena firmato da Regione Abruzzo, Provincia e Comune dell'Aquila da un lato e alcuni ministeri dall'altro (Interno, Difesa, Università e Ricerca, Giustizia, Beni Culturali, Coesione territoriale). Il documento, che porta la data del 18 aprile 2013, prevede in sostanza la realizzazione di un nuovo polo scolastico, culturale e sportivo al posto della caserma Rossi. Attualmente la struttura ospita il 9° reggimento alpini.…
Il Consiglio dei Ministri non discuterà, almeno per oggi, della ricostruzione dell'Aquila. L'ultima speranza è la conversione del decreto Monti sulle emergenze ambientali. Ci sono dieci giorni per trovare gli 85 milioni necessari ad accendere il mutuo con Cassa deposito e prestiti. "Stanno condannando la città a morte", dice preoccupato il sindaco Cialente. "Se entro dieci giorni non trovano i soldi, sciolgo il Consiglio". Poco più della metà di quanto necessario e di quanto annunciato nei giorni scorsi. Secondo quanto…
Non si può nascondere un certo divertito imbarazzo nel raccontare quanto è accaduto nel primo pomeriggio a Villa Gioia. La scena: un braccio meccanico affittato per l’occasione, Giorgio De Matteis, come sempre elegantissimo, salta a bordo accompagnato dal consigliere Daniele Ferella. Impugna fiero una bandiera tricolore. L’idea è di sollevarsi fino alle aste e di rimettere al suo posto il simbolo dell’unità nazionale, strappato via dalla protesta del sindaco Cialente. Qualche metro più in là, nell’edificio della ex scuola Mazzini…

 

Chiudi