Martedì, 28 Febbraio 2017 21:57

M5S, il reclutamento dei candidati online è un mezzo flop. Corti scende in campo

di 

"Sul blog è possibile per ogni cittadino fornire il proprio contributo per la costruzione di un programma politico e sociale serio, partecipato, condiviso e fattibile nel vero interesse della città e di coloro che la vivono; la piattaforma è a disposizione anche per invitare i cittadini aquilani in possesso dei requisiti previsti dal Movimento 5 Stelle, a segnalare la propria disponibilità a presentare la candidatura".

Giusto un mese fa, i meet up riuniti del Movimento 5 Stelle aquilano - 'L'Aquila5Stelle.Beppegrillo.it' e 'Comitatus Aquilano Periferie Unite' - annunciavano il lancio del sito web aperto a chiunque volesse interagire "con i propri contributi e le proprie idee in vista delle elezioni amministrative" di giugno.

Sulla piattaforma, i pentastellati invitavano i cittadini aquilani a "diventare protagonisti del cambiamento"; termine ultimo per l'invio delle candidature, la mezzanotte del 28 febbraio.

Ebbene, il 'reclutamento' online si è rilevato un mezzo flop; sono soltanto 32, infatti, i cittadini che hanno manifestato la volontà di candidarsi, appana sufficienti a costruire una lista, e le segnalazioni pervenute devono ancora essere prese in considerazione, esaminate e sottoposte ad un'assemblea con gli attivisti dei meet up che - così recita il regolamento - dovrebbero procedere alla votazione per la scelta. Condizionale d'obbligo, se è vero che servirebbero tutti e 32 i candidati - appunto - per dar vita ad una lista a 5 stelle.

La notizia è che Fausto Corti, noto avvocato aquilano, ha formalizzato la sua disponibilità a scendere in campo come candidato sindaco. E' il favorito, sebbene non sia l'unico ad aver manifestato questa volontà: anche Antonio Congeduti, vecchia conoscenza dell'Assemblea cittadina, l'ingegnere Fabrizio Righetti ed Ennio Molina, che pure era già stata candidato con una lista civica nel 2012, si sono detti pronti a presentarsi come aspirante sindaco.

Tra i candidati a consigliere, invece, ci sono Antonio Perrotti, già dirigente regionale e ispiratore del meet up 'Comitatus Aquilanus Periferie Unite', Giuseppina Calì, altra vecchia conoscenza dei movimenti post sisma - come la senatrice Enza Blundo, d'altra parte - oltre al giovane Alessio Ciccone che, fino a qualche settimana fa, annunciava la 'costruzione' di una coalizione di sei liste civiche, 'Prima L'Aquila', con i simboli già diffusi su Facebook e una serie di eventi comunicati e, in realtà, mai realizzati.

Gli altri candidati sono Di Cesare Michele, Paolucci Pedro Tonino, Bianchi Roberto, Vicentini Angelica, Ciocca Fabrizio, Sarra Angelo, De Meo Maura, Di Carlo Ugo (candidato a consigliere e se necessario a sindaco, scrive), Calvani Rita, Giuliani Gino, Iannucci Antonio, Bianchi Luigi, Lorenzo Ragone, Giuliani Francesco, Gentilini Emanuela, Guglielmi Simone, Fischione Fausto, Papola Emanuela, Del Grosso Simone, Frattura Vincenzo, Locorte Giovanna, Corsi Silvio, Campagna Aurora, Campagna Noemy e Salvati Franco.

 

 

 

 

Ultima modifica il Sabato, 04 Marzo 2017 12:52

Articoli correlati (da tag)

 

Chiudi