Tecnologie

Ricostruire la mensola crollata di un balcone in pietra o il particolare del volto di una scultura in marmo. Ricomporre il cornicione danneggiato di un palazzo. Restituire integrità a un fregio architettonico che sembrava irrimediabilmente compromesso. E' in costante aumento anche nel campo del restauro integrativo e, più in generale, in quello della valorizzazione e conservazione del patrimonio culturale l'impiego di tecnologie legate alla stampa digitale. Fino a qualche anno fa gli esempi erano sporadici e si trattava soprattutto di…
La morte di Live App, l'applicazione co-finanziata con più di 40mila euro di fondi pubblici (di cui 20mila del Comune dell'Aquila), non cessa di generare polemiche. Prima, il reciproco scambio d'accuse tra l'associazione che l'ha realizzata e l'assessora al sociale del Comune dell'Aquila, Emanuela Di Giovambattista - che propose all'epoca il finanziamento - e che ha parlato, sempre su questo giornale, di fallimento di un progetto imprenditoriale privato. Poi, la presa di posizione del consigliere civico d'opposizione Ettore Di Cesare (Appello per…
  Siamo ormai abituati a vedere legioni per lo più di giovanissimi, andare a caccia di animaletti esistenti solo in un mondo tangenziale a questa realtà. Quello che c'è di nuovo è che adesso anche un'Università, quella di Teramo, promuove direttamente un appuntamento, stasera dalle 20:30 alle 23, nei giardini Gambacorta (meglio conosciuti come "tigli") per collezionare insieme pokemon dentro il proprio smartphone. L'incontro è stato organizzato dai responsabili del settore comunicazione e marketing dello spin off universitario Cisrem, ed…
Si chiama Last Hello (lastello.it), che in inglese significa "ultimo ciao". E' una nuova applicazione per smartphone lanciata appena un mese fa, ma che già sta riscuotendo un successo "particolare". Last Hello, infatti, è un comparatore di agenzie funebri, per scegliere "il miglior modo per dare ai tuoi cari l'ultimo ciao", come recita il claim della app, sviluppato da una startup romana. La logica è molto simile ai tanti portali e app che permettono di comparare le tariffe delle compagnie…
Alla fine è stato un gioco, "Pokemon Go", a far diventare la realtà aumentata di massa. Come fossero spettri in mezzo a noi, ma visibili solo tramite l'interfaccia di un cellulare, mezzo mondo si è messa a caccia di queste creature chiamate "Pokemon", esperendo così, finalmente, la realtà aumentata. Il gioco, infatti, consiste nel catturare questi pupazzi. Una volta scaricata l'applicazione, più si va in giro più se ne trovano nel mondo reale. Ci sono quelli che più specificamente vivono…
Chiudi