Inchieste

Expo, Mose, ricostruzione dell'Aquila. Un filo rosso - reso sempre più evidente dalle indagini della magistratura - tiene insieme la realizzazione delle grandi opere nel nostro paese. E i nomi sono sempre gli stessi. Se lo scandalo Expo ha travolto personaggi 'noti' alla ricostruzione dell'Aquila, così le indagini veneziane coinvolgono - assai da vicino - imprese impegnate nel cratere. Andiamo con ordine.   Expo 2015: l'arresto di Maltauro Tra i sette arrestati nell'ambito dell'inchiesta sui presunti appalti truccati dell'Expo 2015, figura il…
Da cinque anni, all'Aquila il concetto di tempo ha una sua peculiare specificità. Nell'ambito delle opere pubbliche, per esempio, viene definito durevole ma comunque temporaneo il Progetto Case, che rimarrà lì dov'è per chissà quanti anni, come anche opere architettoniche altrettanto temporanee, come il bellissimo Auditorium del Parco del Castello progettato dall'archistar Renzo Piano. Se però il particolare concetto di tempo all'Aquila è utilizzato anche per gli appalti pubblici, la questione si fa più interessante. Parliamo della fornitura del servizio…
Nell'angusto e disordinato ufficio che in quel tempo serviva da redazione, direzione ed amministrazione a "La Voce d'Italia", uno dei giornali in lingua italiana che escono a Caracas, il direttore Attilio M. Cecchini, un giornalista che sembra piuttosto, grazie al suo fisico, un rubacuori del cinema italiano, prese a cura personalmente la misteriosa scomparsa dei suoi sette compatrioti. Dopo una riunione non ufficiale col suo capo di redazione, Gaetano Bafile, decise di indagare a fondo per conto del giornale e…
A cinque anni dal terremoto, decine di cittadini aquilani sono costretti a vivere ancora in abitazioni di fatto inagibili. Dal 2009, circa 120 residenti delle case comunali di S. Gregorio stanno combattendo una battaglia con il Comune dell'Aquila per vedersi riconosciuti alcuni diritti fondamentali: essere trattati al pari di tutti gli altri cittadini e, soprattutto, abitare in una casa sicura, confortevole e antisismica. NewsTown si era occupato del caso già la scorsa settimana, in seguito a una segnalazione/denuncia del presidente…
Negli ultimi venti anni, dopo la chiusura degli storici stabilimenti dell'Italtel, diverse società si sono avvicendate nell'area del polo elettronico dell'Aquila: Flextronics, Finmek, Cnx Siemens, Compel e Intecs le principali. Nomi che rimbalzano ormai da anni sui media locali per le vertenze che vedono protagonisti lavoratori, sindacati e aziende. Nella maggior parte dei casi, infatti, le imprese si sono insediate ma, dopo pochi anni, sono andate via. Negli ultimi mesi, come è noto, è in corso la trattativa per l'insediamento…
Chiudi