Playtime

Playtime

ANTICONVENZIONALE NATALE - ‘Alla festa per i suoi 30 anni Gesù si presenta a Nazareth con un biondo, baffuto e caricaturale fidanzato, deve fare i conti con una Maria che fuma, un Giuseppe geloso e un Dio Padre prepotente e seduttore, lottare con un Lucifero tipo Star Wars, chiedere consiglio a Buddha e Shiva’, scrive Angela Calvini su Avvenire a proposito di La prima tentazione di Cristo, film brasiliano del collettivo Porta dos Fundos. Si tratta dell’anticristo dei film natalizi…
PIOVONO PAPI – La promozione dell’uscita su Sky, a inizio gennaio, di The New Pope, diretto da Paolo Sorrentino, è ormai paragonabile a altri eventi cinematografici ‘imperdibili’, come il Pinocchio di Garrone, giovedì prossimo in sala. Dai fiumi di inchiostro che stanno accompagnando la nuova stagione della serie, scegliamo uno stralcio dall’intervista a uno dei protagonisti, Silvio Orlando. L’attore racconta di essere stato selezionato con un casting per il quale ha dovuto studiare un copione di 13 pagine in inglese,…
NON MACELLATEMI IL FILM - Il film di Martin Scorsese è su Netflix e ha una durata di circa tre ore e mezza, non è un action movie, è un film bellissimo, ma la lunghezza e il ritmo hanno indotto alcuni incauti a  creare una guida allo spezzatino in quattro puntate come se fosse una miniserie. Orrore! Nonno Martin l’ha saputo e ha anche risposto che no, non si fa: “Perché il punto di questo film è l'accumulo dei dettagli.…
S’IO FOSSI CRITICO - A quasi un anno dalla morte di Bernardo Bertolucci possiamo consultare un sito bernardobertolucci.org che, scrive su Il Venerdì Simonetta Fiori, si arricchirà di documenti inediti provenienti dall’archivio del regista messo a disposizione dalla moglie Claire Peploe e ordinati da Tiziana Lo Porto. Navigando il sito si può leggere anche una riflessione di Bertolucci sul lavoro del critico cinematografico, scritta nel 2000. Inizia così: ‘Se fossi un critico cinematografico seguirei la regola (del gioco) contenuta in…
PANZALONE PAGA - Nei supermercati già circolano pandori e panettoni e anche sulla stampa specializzata, a questo punto dell’anno, inizia a delinearsi la riflessione sul cinepanettone. Piero Armocida, su Il Giornale, ci ricorda da dove veniamo, dal 1983 con il capostipite Vacanze di Natale e, dopo 26 anni, nel 2019 nessuno raccoglie il testimone di questa formula cinematografica. Il perché è spiegato nell’esaurirsi di un filone che non paga più. I favolosi incassi, il cui picco fu di oltre 28…
SIGNORA MIA, IL CINEMA NON È PIÙ QUELLO DI UNA VOLTA - Le scorse settimane ci siamo attardati (qui e qui) sull’attacco degli ‘autori’ contro il film di supereroi Marvel. Pensavamo che il furore si fosse placato e invece Martin Scorsese, nei giorni dell’uscita del suo film Irishman, prodotto e distribuito da Netflix, torna a precisare il suo punto di vista, con un intervento sul New York Times, anche per replicare a Bob Iger, CEO Disney che lo aveva bacchettato:…
Giovedì, 31 Ottobre 2019 12:32

Lezioni di cinema e poi Tik Tok

di
LA DITTATURA DEL CINEMERCATO – Lezioni di cinema. Questa volta le dà Bertrand Tavernier, regista e critico, in occasione della sua presenza alla Festa del Cinema di Roma, interviene con una riflessione che fotografa la situazione attuale della produzione cinematografica, a proposito della polemica sui ‘film – hamburger’ di Marvel. “Penso che Scorsese e Coppola – dice il regista – abbiano detto cose molto intelligenti e sensate. Occorre essere attenti ai termini, ma c’è sempre stata una differenza tra un…
Giovedì, 24 Ottobre 2019 18:05

Film hamburger e contadini visivi

di
LEZIONI DI CINEMA – Dalla festa del cinema di Roma è un profluvio di dichiarazioni, proiezioni, incontri, da Wes Anderson a Fanny Ardant, passando per John Travolta, Bill Muray, Lucia Bosè, Olivier Assayas, Ron Howard, Kore-Eda Hirokazu, Edward Norton, Viola Davis e molti altri. Tra i tanti scegliamo di segnalare le dichiarazioni del ‘venerato maestro’ Martin Scorsese e il suo Irishman per avere un oracolo sui tempi moderni, visto che il film glielo ha prodotto Netflix: ‘Le condizioni erano chiare:…
MILIONI - Walt Disney ha rinunciato a 13 milioni di dollari di pubblicità da Netflix destinati ad  investimenti sui canali della società di Burbank che però sta per lanciare entro l’anno il suo servizio streaming e non vuole favorire la concorrenza. La spesa in pubblicità annuale di Netflix è di quasi 100 milioni di dollari, scrive Italia Oggi, ma Warner Media arriva fino a 300 milioni di Warner Media. Quindi tutto questo circolar di milioni dovrebbe investire anche l’Italia dove…
JOKER, L’IMPORTANTE È INCASSARE - ‘Come si vende un film su un solitario malato di mente con una pistola in un paese dove le sparatorie di massa sono sempre più comuni?’si chiedono Rebecca Keegan e Ryan Parker su Hollywood Reporter in una settimana dominata da Joker, fuori e dentro lo schermo. Il ‘la’ lo avevano dato una decina di giorni fa un gruppo di famigliari delle vittime della strage del 2012 nella multisala di Aurora in Colorado, chiedendo alla Warner…
Chiudi