Cronaca

Le piste non sono ancora tutte aperte, un gatto delle nevi è ancora rotto, ma oggi - mercoledì 4 dicembre - gli impianti di Campo Imperatore hanno ripreso a funzionare.Sabato scorso l'apertura era stata rinviata a causa di una valanga che, portandosi dietro molti alberi, ha letteralmente spezzato un traliccio dell'Enel come si può vedere dalle immagini nel video. Poi è stata la volta dello "scarrucolamento" della vecchia seggiovia Fontari a causa del vento di bufera che ha impedito di…
Dopo il ritardo dovuto alla slavina che ha spezzato un traliccio della corrente, gli impianti di Campo Imperatore sarebbero dovuti aprire domenica. Neanche a dirlo, però, fino a lunedì c'è stata la bufera che ha impedito qualsiasi reale apertura. Ieri, martedì 3 dicembre, il sole splendeva alto anche sulla maggiore vetta dell'Appennino e il vento già a metà mattinata era più che accettabile. Perché allora, nonostante gli annunci del sindaco Cialente, gli impianti sono rimasti chiusi? "Il vento ha fatto…
"Il fiume Pescara lentamente e gradualmente ha cominciato a ridurre la piena e la potenza. Da qualche minuto sta ritornando nel suo alveo, lasciando però sulle golene nord e sud, solitamente adibite a parcheggio, un'enorme distesa di fango e detriti che, una volta passata l'emergenza, ci imporrà un'opera radicale di bonifica e ripristino delle condizioni di sicurezza". A renderlo noto, il sindaco Albore Mascia e l'assessore alla Protezione civile Fiorilli al termine del briefing odierno, convocato con tutte le forze…
Torna d'attualità lo stupro di Pizzoli. Venerdì 6 dicembre, infatti, si svolgerà la prima udienza del processo d'appello a carico di Francesco Tuccia, ex militare campano di 22 anni, condannato a otto anni di reclusione per aver stuprato una ragazza nel parcheggio di una discoteca di Pizzoli (L'Aquila) nel febbraio 2012. L'appello, voluto dagli avvocati del giovane, è volto a ribaltare la sentenza di primo grado. La richiesta del PM era di 16 anni, ridotti poi della metà perché decaduta…
"Basta cemento e nuove infrastrutture in aree a rischio, il futuro è nella corretta gestione del territorio e nell'educazione dei cittadini". L'appello è di associazioni e movimenti abruzzesi che lanciano l'ennesimo invito alle Istituzioni e, in particolare, ai parlamentari: "Usiamo i fondi oggi assegnati a cannoniere, cacciabombardieri F35 e mega-opere per mettere in sicurezza il territorio. L'acqua deve essere esclusivamente fonte di vita e non causa di distruzione. La cattiva gestione del territorio da parte di amministratori, funzionari e tecnici…
Chiudi