Cronaca

In pochi sanno che a L'Aquila vivono alcuni rifugiati. In pochi sanno che lavorano nella nostra città, escono alla sera, imparano l'italiano e cercano di ricostruirsi una vita, dopo la fuga dal proprio Paese. Sono i ragazzi che partecipano al “Progetto Accoglienza SPRAR”, del quale il Comune dell'Aquila è titolare e il Comitato Territoriale Arci L'Aquila è realizzatore. Il Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) è un sistema gestito dal Ministero dell'Interno, in accordo con l'Associazione Nazionale Comuni…
“Gli alberi vengono tagliati solo quando sono malati e pericolosi oppure se intralciano una destinazione”. E’ con queste parole che l’assessore alle opere pubbliche, Alfredo Moroni, interviene sulla questione, assai dibattuta, del taglio degli alberi che, in concomitanza con i lavori di ampliamento delle strade, sta modificando l’assetto paesaggistico della città. “Il taglio degli alberi - dice - va considerato nell’ambito di un discorso più ampio. Se, per esempio, oggi abbiamo un patrimonio naturale che conta un complessivo di centomila…
Sono le 10.25 del 2 agosto 1980. Una bomba esplode alla stazione di Bologna, provocando 85 morti e 200 feriti. L’ordigno era dentro una valigia abbandonata nella sala d’aspetto. Il depistaggio inizia qualche minuto dopo: il governo italiano sostiene l’ipotesi dell’incidente. Si scoprirà anni dopo che la bomba fu piazzata da terroristi di estrema destra. La verità, però è ancora negata. Sono passati 33 anni. E come ogni anno, a Bologna, è il giorno delle celebrazioni. Niente fischi, questa volta,…
Giorgio De Matteis è stato colpito da un malore stasera, poco prima dell'ora di cena e sarebbe ora ricoverato nel reparto di Terapia Intensiva (Utic) dell'Ospedale San Salvatore dell'Aquila. Si tratterebbe di spasmo coronarico. Il politico aquilano non sarebbe in pericolo di vita ma è tenuto attualmente sotto osservazione dai medici del reparto. 53 anni, aquilano, Giorgio De Matteis è stato candidato sindaco lo scorso anno alle amministrative a L'Aquila e attualmente ricopre la carica di consigliere comunale e di…
Nessuno nel mondo politico sapeva cosa sarebbe successo dopo la sentenza, nessuno era certo del verdetto di condanna a quattro anni per frode fiscale per la compravendita dei diritti televisivi Mediaset. Si era diffusa, a partire dal pomeriggio, la sensazione che il lungo tempo trascorso in Camera di consiglio da parte della Corte per decidere, fosse il segnale di un pareggio, di una sentenza di compromesso che rimandasse all'Appello, e quindi in prescrizione, la condanna. E invece no. La magistratura…
Chiudi