Cronaca

Riapre all'Aquila Radio Delta 1.A sette anni dal terremoto, l'emittente radiofonica di Enzo Galante, fondata nel 1977, torna ad avere una propria sede nel capoluogo abruzzese. La nuova redazione si trova nei locali al primo piano dell'ex Galleria Irti, al civico numero 58 di Corso Federico II, a due passi dal cinema Massimo.  All'inaugurazione di domenica pomeriggio, oltre a Galante e alla squadra di tecnici, speaker e giornalisti, hanno partecipato anche il vice presidente del Csm Giovanni Legnini, la senatrice Stefania Pezzopane…
Un'escursione in montagna, poi una brutta caduta nel bosco e la chiamata dei soccorsi. Si è conclusa così, con una probabile frattura alla caviglia, la gita in alta quota di una escursionista di Frosinone, scivolata lungo un sentiero fangoso e recuperata dai tecnici del Soccorso Alpino (Cnsas) e dall'elicottero del 118 sul sentiero che collega il rifugio Diruto ai Prati di Tivo. L'allarme è stato lanciato da uno dei tre compagni di escursione che, non riuscendosi a collegare telefonicamente con…
È arrivato stamattina dall'Africa all'aeroporto romano di Fiumicino, a bordo di un aereo-ambulanza, Mohamed Abdisalan Ali, un bambino somalo di un anno e quattro mesi affetto da atresia esofagea, anomalia congenita di separazione tra esofago e trachea per la quale è costretto a nutrirsi esclusivamente mediante sondino nasogastrico. Il piccolo è stato accolto da due ambulanze della Croce Rossa italiana per essere trasportato all'ospedale pediatrico "Bambin Gesù" di Roma, grazie ai soldi raccolti dai colleghi di lavoro di suo zio…
Dopo le "gravi irregolarità" riscontrate nel bilancio 2014 dell'Azienda sanitaria locale (Asl) della provincia di Teramo, la sezione abruzzese della Corte dei Conti "bastona" anche la gestione contabile delle Asl provinciali dell'Aquila e di Chieti. A darne notizia è il quotidiano pescarese primadanoi.it. Per i giudici contabili la Asl 1 Avezzano-Sulmona-L'Aquila non ritengono superate alcune criticità relative al libro cespiti del 2014 e al contenzioso di 39 milioni di euro per prestazioni erogate dagli operatori privati accreditati. Ci sarebbero poi…
Stefano Biasini sarebbe stato il "cavallo di troia" per permettere l'ingresso della 'ndrangheta nella ricostruzione post-sisma all'Aquila. E' stata aspra la requisitoria del pubblico ministero Fabio Picuti, nell'ambito del processo Lypas, che nel tribunale del capoluogo abruzzese vede imputato per concorso esterno in associazione mafiosa l'imprenditore aquilano Stefano Biasini, e con lui i calabresi Francesco Ielo e Antonino Vincenzo Valenti, accusati di essere vicini al clan 'ndranghetista Caridi-Zindato-Borghetto. Fuori da questo processo, per motivi di salute, Massimo Maria Valenti, anche lui…
Chiudi