Cronaca

Non poteva che finire così. Uno dei processi più grotteschi della storia della Repubblica si conclude con l'assoluzione di tutti gli imputati: il fatto non sussiste o non costituisce reato. Resta l'amarezza, e l'indignazione, di aver visto otto cittadini costretti a difendesi per aver svelato, insieme a migliaia di persone, l'inganno della propaganda del governo Berlusconi. Armati di carriola e guanti da lavoro. Era il febbraio 2010: appena rese pubbliche le intercettazioni degli imprenditori che ridevano alle 3e32 e poco…
Pubblichiamo per intero la rassegna stampa andata in onda stamane, venerdì 27 settembre, su TvUno, terzo appuntamento frutto di una collaborazione tra NewsTown e la televisione locale, che trasmette sul canale 85 del digitale terrestre e in streaming sul proprio sito web. Appuntamento a venerdì prossimo.
"Le carriole sono la nostra storia" è lo slogan che da ieri sta accompagnando il presidio in corso oggi davanti il tribunale dell'Aquila, a Bazzano, dove si sta per svolgere la seconda udienza del processo alle carriole.NewsTown aggiornerà in diretta cosa sta sta accadendo dentro e fuori dall'aula, anche su twitter con l'hashtag #carriole, a partire dal nostro canale newstown_aq. Tweet su "#carriole" In quel 2010, a partire da Febbraio - appena rese pubbliche le intercettazioni degli imprenditori che ridevano…
"Domani venerdì 27 Settembre alle 9:30 saremo con le nostre carriole di fronte il Tribunale dell'Aquila, a Bazzano, per manifestare tutta la nostra complicità con chi il 28 marzo del 2010, tentò di entrare – armato di carriola, pala e callarella(secchio) – in un centro storico disastrato". Lo scrive il Comitato 3e32, coinvolto nel processo alle carriole arrivato alla sua seconda udienza e che si riferisce ai fatti accaduti il 28 marzo 2010 in cui si registrò anche il famoso…
"Sull'iniziativa cui non partecipiamo, posso dire che non ne ero a conoscenza. Ho controllato in Comune, ma per un disguido tra settori non l'ho ricevuta. Ieri mi sono chiarito con Gabrielli, ci siamo capiti e si è messo a disposizione della città". Con queste parole, l'assessore Roberto Riga ha provato a calmare le acque, in verità assai agitate, dopo il duro botta e risposta con il capo della protezione civile, Franco Gabrielli, prefetto dell'Aquila all'epoca del terremoto. Non è bastato:…
Chiudi