Cronaca

"Il terremoto ci preoccupa nel senso che ce ne occupiamo prima, sensibilizziamo la popolazione e allertiamo le strutture. Ci si aspetta che qualcuno dica 'state tranquilli', ma siccome state tranquilli non lo dirà nessuno, noi diciamo'preoccupatevi', ma nel senso etimologico del termine 'occupatevene prima". Parole di Franco Gabrielli, ex prefetto dell'Aquila e attuale Capo della protezione civile, rilasciate il fine settimana scorso ad Ancona, ai microfoni del TgR Marche. Occasione l'iniziativa "Terremoto io non rischio", organizzata in più di 200…
L'ennesima tragedia del mare. Almeno tredici cittadini eritrei sono morti annegati davanti la spiaggia di Sampieri a Scicli, in provincia di Ragusa. A quanto si apprende, le vittime sarebbero state prese a colpi di cinghie dagli scafisti e costretti a lanciarsi in mare. E' solo l'ultimo episodio di un dramma oramai quotidiano: sono centinaia i disperati che fuggono dalla guerra e dalla fame e muoiono nel mar Mediterraneo che, per colpa delle politiche di respingimenti promosse dalla legge Bossi-Fini, è oramai…
Continuano gli episodi di abbandono di rifiuti in prossimità dei cassonetti sparsi nel comune dell'Aquila. Si tratta, in molti casi, di rifiuti ingombranti o nocivi. Malgrado i dati sulla raccolta differenziata e sull’afflusso di cittadini nelle giornate ecologiche siano in costante aumento - anche grazie agli sforzi compiuti dal personale dell'Asm - a quanto pare le cattive abitudini sono dure a morire. Viaggiando in giro per le varie località cittadine, soprattutto quelle periferiche, non è difficile incappare in cassonetti “adornati”…
La battaglia è iniziata. Non importa se si hanno dei dubbi. Non importa se non si sa da che parte stare. Favorevoli o contrari. I fronti, tuttavia, sono meno definiti di quanto possa sembrare. Pro o contro energie rinnovabili, pro o contro il rispetto dell'ambiente, pro o contro nuova occupazione. Il Comitato del No si oppone alla realizzazione della centrale a Biomasse di Bazzano da oramai tre anni, ma senza riuscire a far vacillare le scelte prese dall’azienda Futuris Spa, l’artefice…
Non poteva che finire così. Uno dei processi più grotteschi della storia della Repubblica si conclude con l'assoluzione di tutti gli imputati: il fatto non sussiste o non costituisce reato. Resta l'amarezza, e l'indignazione, di aver visto otto cittadini costretti a difendesi per aver svelato, insieme a migliaia di persone, l'inganno della propaganda del governo Berlusconi. Armati di carriola e guanti da lavoro. Era il febbraio 2010: appena rese pubbliche le intercettazioni degli imprenditori che ridevano alle 3e32 e poco…
Chiudi