Cronaca

Riaprirà al pubblico lunedì 8 Luglio l’Oratorio di S. Giuseppe Dei Minimi, situato a via Roio, vicino la cattedrale di S. Massimo, nel cuore del centro storico dell’Aquila. L’edificio fa parte del complesso monumentale comprendente la basilica di S. Giuseppe Artigiano, prima chiesa del centro ad esser stata interamente restaurata e restituita alla città. L’interno dell’oratorio, le cui origini risalgono alla metà del XVII secolo, è tra i maggiori esempi barocchi della città, opera attribuita a Giovan Francesco Leomporra, lo…
Margherita Hack era nata a Firenze nel 1922. La laurea in fisica nel 1945. Fino al 1992 ha insegnato astronomia all'Università di Trieste. Convinta atea - pare che la prima e l'ultima volta che entrò in chiesa fu nel giorno del matrimonio con Aldo che aveva conosciuto ai giardini quando era una bambina- diceva di preferire il protone al paradiso. Per più di vent'anno ha diretto l'Osservatorio astronomico di Trieste, contribuendone al rilancio internazionale. Da sempre in prima linea nella…
Qualche giorno fa, il 24 giugno, ci eravamo occupati dell’inchiesta - portata avanti dalla Direzione distrettuale antimafia - che vede indagato Vladimiro Placidi, architetto ed ex assessore con delega alla ricostruzione dei beni culturali. Concussione, corruzione, falso e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche: questi i capi d’indagine, ancora alle fasi preliminari, di una inchiesta che tiene insieme due distinte vicende, il puntellamento di palazzo Carli e la progettazione di alcuni Moduli Abitativi Provvisori. Al centro l’ex assessore:…
Ci siamo occupati negli scorsi giorni delle elezioni per il nuovo direttore dell'Accademia delle Belle Arti dell'Aquila, che sono passate in sordina - rispetto a quelle giustamente portate agli onori della cronaca dell'elezione del nuovo rettore dell'Univaq - in città. La politica e l'opinione pubblica non se ne sono occupate, nonostante l'importanza che riveste un'accademia del genere in una città candidata a Capitale Europea della Cultura 2019. Vi proponiamo oggi una lettera arrivata in redazione e firmata da un gruppo…
La notizia è di quelle destinate a fare molto rumore. O, almeno, si spera. Nel rendiconto generale dello Stato, per l’esercizio finanziario 2012, la Corte dei conti ha certificato che “per la ricostruzione de L’Aquila, dei 3 miliardi incassati dallo Stato, sono stati versati solo 500 milioni”. “Vi sono dei piani di ricostruzione, dopo il terremoto del 2009 che ha distrutto e danneggiato molte opere d’arte, attraverso lo snellimento delle strutture burocratiche (tolti i due vice commissari costati 800 mila…
Chiudi