Cronaca

Si infiamma il clima politico, a seguito dell'interrogazione parlamentare presentata da undici senatori, alcuni del Partito Democratico, in relazione alla legittimità del contributo di poco meno di 11 milioni deciso da Invitalia nel luglio scorso come incentivo pubblico all'insediamento di Accord Phoenix. Cialente - in una nota - ha chiaramente lasciato intentere che, dietro l'interrogazione, si nascondano gli interessi di alcune lobby, in particolare "di alcune aziende o meglio associazioni consortili che in Italia, in un regime di monopolio (cosa ne pensa…
Il costruttore Carlo Ciotti, 55 anni di Coppito (L'Aquila), ha deciso di patteggiare due anni di reclusione con i benefici di legge.  Si chiude, così, almeno uno stralcio della lunga e voluminosa inchiesta giudiziaria avviata dalla Guardia di Finanza, oramai più di 3 anni fa, su impulso del Pubblico ministero Antonietta Picardi, per appurare eventuali lavori edili gonfiati nei cantieri della ricostruzione privata degli appartamenti che non avevano subito danni strutturali. Ciotti era il principale indagato, per truffa e falso. …
Pena ridotta, da 3 anni e mezzo a 22 mesi. I giudici della Corte d'Appello, a seguito di una lunga Camera di Consiglio, hanno deciso di ridurre la pena inflitta all'ingegner Fabrizio Cimino, condannato per omicidio colposo plurimo, che diresse i lavori di restauro del palazzo di via D'Annunzio, crollato la notte del 6 aprile 2009 causando 13 vittime.  Il collegio ha accolto solo in parte la richiesta di condanna invocata dal pg Ettore Picardi che aveva richiesto tre anni…
Battibecco con botta e risposta di comunicati stampa tra educatrici precarie della cooperativa che lavora negli asili nido comunali dell'Aquila e le altre precarie interne al Comune, sempre nell'ambito dell'educazione e dell'infanzia. Due comunicati piuttosto particolari, che dimostrano quanto sia tesa l'aria, in queste settimane, sulla questione degli asili nido e del rinnovo della forza lavoro precaria all'interno degli enti pubblici, anche alla luce di provvedimenti nazionali come il Jobs act. Una guerra dei poveri che non giova a nessuno,…
La Corte dei Conti ha condannato il dirigente comunale Mario Di Gregorio per danno erariale per aver falsificato, in seguito al terremoto, la classificazione del danno della casa della madre. L’immobile fu inizialmente dichiarato agibile salvo poi essere declassato a E (inagibile). Per i lavori venne chiesto (ma non ottenuto) un contributo di 440mila euro. Una vicenda per la quale è in corso anche un processo penale. La Corte dei Conti ha condannato Di Gregorio al pagamento di 6mila euro mentre…
Chiudi