Stampa questa pagina
Venerdì, 18 Marzo 2016 12:30

Riorganizzazione della rete ospedaliera: "no" dei medici ai tagli ad Oculistica dell'Aquila

di 

Arriva il dissenso da parte dei medici dell'Ospedale San Salvatore dell'Aquila alla riorganizzazione della rete ospedaliera abruzzese, dettata dal decreto Lorenzin. A lanciare l'appello, sul quotidiano Il Centro, sono i medici del reparto di Oculistica, una delle Unità operative complesse (Uoc) che - insieme a Otorinolaringoiatria, Chirurgia vascolare e Radioterapia oncologia - rischia il depotenziamento a unità operativa semplice dipartimentale.

Un reparto importante per l'ospedale aquilano, quello di Oculistica, che garantisce alti numeri all'ospedale aquilano, con circa 11-12mila utenti l'anno per le varie prestazioni. "Il 50% di tali pazienti arriva da fuori Asl e da fuori regione - spiega il responsabile di reparto, Marco Ciancaglini - e in alcuni casi anche dall'estero: un esempio virtuoso di mobilità attiva".

Tra le quattro unità operative complesse di Oculistica, compresa nelle 28 che dovrebbero rimanere con il riordinio, secondo Ciancaglini, sarebbe sparita dalla mappa la Uoc dell'Aquila, di cui si teme addirittura la soppressione. Il problema, fa sapere il professore, includerebbe poi anche i corsi di laurea in Ortottica e Specializzazione oftalmologica dell'Università degli Studi dell'Aquila che potrebbero andare incontro a chiusura.

L'Asl è stata investita, negli ultimi tempi, da diverse polemiche. Ultima l'elezione a successione di Giancarlo Silveri, alla guida della Asl 1 L'Aquila-Avezzano-Sulmona di Rinaldo Tordera, per cui la cittadina al Senato del M5S, Enza Blundo ha annunciato un'interrogazione parlamentare per verificare se "l’incarico da parte del presidente Luciano D’Alfonso sia avvenuta in totale trasparenza e rispetto della normativa vigente". 

Ultima modifica il Venerdì, 18 Marzo 2016 12:57

Articoli correlati (da tag)