Lunedì, 20 Febbraio 2017 12:39

Muore Alfonso Di Tella, per vent'anni all'Aquila e imputato per "Dirty job"

di 
Alfonso Di Tella Alfonso Di Tella

E' morto dopo una lunga malattia Alfonso Di Tella, imprenditore edile balzato suo malgrado agli onori delle cronache giudiziarie come uno degli arrestati nell'ambito dell'operazione Dirty job.

Nel giugno del 2014 [leggi] vennero eseguite diverse custodie cautelari nei confronti di nomi, anche eccellenti, dell'imprenditoria aquilana, per presunti legami con il clan camorristico di Michele Zagaria. Di Tella, che della provincia di Caserta era originario, venne arrestato assieme ai figli DomenicoCipriano. Misure cautelari furono emesse anche per Dino e Marino Serpetti (il primo ha già patteggiato 1 anno e 8 mesi nello scorso luglio, il secondo è stato prosciolto), l'allora presidente dell'Aquila Calcio Elio Gizzi (anche per lui un patteggiamento di 1 anno e 8 mesi) e l'ingegnere marsicano Michele Bianchini.

L'accusa per l'imprenditore campano e per gli altri è estorsione e intermediazione illecita, reclutamento e sfruttamento di diversi operai provenienti, secondo i magistrati, da ambienti vicini ai Casalesi.

Alfonso Di Tella è morto prima di essere processato. La prima udienza, infatti, era inizialmente prevista per lo scorso dicembre ma è stata rinviata al 23 febbraio, giovedì prossimo.

E' probabile che sarà ricordato da poche delle tante persone con cui si è intrattenuto in rapporti di lavoro e amicizia negli ultimi venti anni passati all'Aquila. Uno dei grandi equivoci della narrazione sulla vicenda di Dirty Job, infatti, riguarda proprio la vulgata che vuole "l'arrivo dei Casalesi all'Aquila dopo il terremoto del 2009". Ammesso che in sede processuale Di Tella verrà ritenuto vicino al clan, occorre sottolineare che la sua impresa era integrata nel tessuto economico dell'edilizia cittadina da almeno due decenni.

Come lui, d'altronde, che era tornato in Campania solo negli ultimi mesi prima della morte.

Ultima modifica il Lunedì, 20 Febbraio 2017 16:50

Articoli correlati (da tag)

Chiudi