Stampa questa pagina
Giovedì, 06 Luglio 2017 16:23

Sport e solidarietà, intesa CONI - ActionAid. Piccinini: “Lavoriamo a grandi eventi”

di 

La firma del protocollo d’intesa tra CONI e ActionAid Italia per la realizzazione di progetti sportivi che favoriscano l’inclusione sociale ha ufficialmente alzato il sipario sulla seconda edizione del Festival della Partecipazione.

Nel corso dell’incontro tenutosi stamane a Palazzo Fibbioni, moderato dalla campionessa olimpica di scherma Margherita Granbassi e alla presenza del Presidente del CONI Giovanni Malagò, del segretario generale ActionAid Marco De Ponte, del Presidente nazionale della UISP – Unione Italiana Sport per tutti – Vincenzo Manco, del Presidente dell’Unione Sportiva ACLI Damiano Lembo e della Presidente della Federazione pugilistica Abruzzo Molise Mariangela Verna, è stato annunciato l’impegno formale per intervenire, nei prossimi quattro anni e fino alle Olimpiadi di Tokio 2020, in aree di particolare fragilità e marginalità sia in Italia che all’estero, attraverso iniziative all’insegna dello sport e della solidarietà. 

L’intesa prevede che le Federazioni sportive siano coinvolte per patrocinare le attività di ActionAid, mentre atleti di livello nazionale e internazionale dell’Italia Team presteranno il loro volto ai progetti e alle iniziative a carattere sportivo-sociale frutto della collaborazione.

L’appuntamento ha rappresentato il rinnovo di una collaborazione che il Comitato Olimpico Nazionale Italiano e ActionAid hanno avviato in occasione delle Olimpiadi di Rio De Janeiro a favore di un progetto sociale, sportivo ed educativo nella favelas di Rocinha e Cidade de Deus ed estesa poi, attraverso accordi con importanti associazioni sportive, anche sul territorio nazionale con la realizzazione di importanti iniziative che hanno messo al centro la pratica sportiva come strumento di emancipazione sociale.

“I Giochi Olimpici di Rio non ci hanno visto protagonisti solo a livello agonistico, perché siamo riusciti a lasciare un’impronta a livello sociale, grazie a un partner credibile come ActionAid. La scelta migliore che potessimo fare anche per la sensibilità, la capacità e l'internazionalizzazione che caratterizzano questa grande realtà – ha dichiarato il Presidente del CONI Giovanni Malagò – La firma di questo protocollo ci dà ulteriore energia: vogliamo contribuire a migliorare la pratica sportiva valorizzando al contempo l’aspetto sociale attraverso la collaborazione con questa Organizzazione internazionale, ricordando che la promozione dello sport dà impulso non solo alla cultura ma anche all’economia di un paese”. 

“Non è un caso - ha concluso Malagò - che la firma di questo protocollo ci permetta di iniziare a proiettare lo sguardo verso Tokyo 2020, partendo da L'Aquila, luogo simbolo di rinascita. Fare squadra con ActionAid ci permette di perseguire nuovi ambiziosi traguardi”.

Obiettivo di breve termine, dunque, è mettere in rete le singole iniziative che ActionAid ha realizzato nel corso di questi anni in collaborazione con il mondo dello sport italiano per veicolare i valori dell’impegno, dello spirito di squadra e del rispetto, per favorire fenomeni di aggregazione, promuovere la crescita etica e lo sviluppo delle comunità.

“Abbiamo già messo in campo molti progetti per coinvolgere persone a forte rischio di esclusione sociale – ha affermato il segretario generale ActionAid Marco De Ponte – Ad esempio a Milano, nel 2015, con il supporto della Fondazione Milan, abbiamo realizzato il progetto Lavoro di squadra per coinvolgere i giovani NEET (ragazzi esclusi dall’istruzione e dal mondo del lavoro) in percorsi gratuiti fatti di attività motoria e pratiche sportive di qualità. Lo sport si è rivelato uno straordinario elemento aggregatore per raggiungere le persone e con il rinnovo di questa collaborazione ci proponiamo di intervenire in aree particolarmente vulnerabili, e di realizzare una serie di progetti a favore delle aree colpite da catastrofi naturali, come il Centro Italia”.

Non è mancato il saluto del neo Sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi che, annunciando la volontà di fare dell’Aquila “la città dei grandi eventi sportivi”, ha sottolineato l’urgenza della stesura di “un nuovo piano regolatore dello sport che permetta di cambiare strategia rispetto alla sostenibilità delle infrastrutture sportive". Il Sindaco ha quindi evidenziato la necessità di "integrare programmi che, se rivisti e perfezionati, potranno in futuro garantire la residenzialità agli atleti”. Quindi l’invito rivolto al presidente Malagò a “collaborare insieme affinché la città possa diventare un punto di riferimento per lo sport e gli eventi connessi”.

Presente al tavolo di stamane anche Alessandro Piccinini che ha tenuto il primo intervento pubblico in qualità di assessore in pectore allo sport. “Non sono ancora stato ufficialmente nominato ma posso affermare che questa nuova amministrazione intende dare un nuovo impulso allo sport in questa città, senza creare sport di serie A e sporto di serie B”.

“Non dobbiamo dimenticare che sport e turismo vanno di pari passo – ha concluso Piccinini - Lavoreremo dunque per aumentare la nostra capacità di essere ricettivi e di ospitare grandi eventi sportivi”.

 

Ultima modifica il Giovedì, 06 Luglio 2017 17:47

Articoli correlati (da tag)