Stampa questa pagina
Venerdì, 09 Novembre 2018 22:35

L'Aquila: presidio alla Fontana Luminosa per dire 'no' al Decreto Pillon

di 

Le Democratiche della provincia dell’Aquila aderiscono alla campagna nazionale contro il decreto Pillon.

Anche nel capoluogo d’Abruzzo, si leverà il no al contestatissimo provvedimento: il presidio è fissato per le 15:30, alla Fontana Luminosa.

"Ci siamo espresse/i nelle Aule parlamentari e ora scenderemo in tutte le piazze d’Italia per manifestare la nostra ferma contrarietà ad un provvedimento la cui cifra è un’evidente, gravissima regressione normativa e culturale nel delicato campo dell’affido condiviso", si legge nella convocazione. "Il provvedimento riporta l’Italia indietro di decenni e mina irrimediabilmente la tutela dei diritti dei minori e delle donne in situazioni di abuso e violenza. I bambini e le donne devono vedere implementate le leggi a tutela e non assistere impotenti alla sottrazione di diritti civili; uno scippo intriso di barbarie a mezzo di un decreto di matrice preistorica".

Nel ddl Pillon, ad esempio, le spese per la mediazione familiare e altre disposizioni rischiano di gravare economicamente al punto da scoraggiare il coniuge dall’intraprendere un percorso di separazione: "immaginabili le conseguenze, gravi e pericolose, negli ambiti in cui sono presenti abusi e violenze. Inaccettabile. Un testo contro cui ci batteremo in tutte le sedi adeguate e possibili. Impossibile accettare una proposta che mina alle basi la civiltà della democrazia e dei diritti".

Diritti dei minori, delle donne e della mediazione familiare messi in discussione da un testo patriarcale; "un testo nel quale si ritiene che i minori possano essere spostati ogni dodici giorni tra padre e madre: i figli considerati alla stregua di pacchi postali. Bambine e bambini, ragazze e ragazzi delle cui esigenze non si tiene minimamente conto. Le necessità di equilibrio e stabilità dei minori vengono di fatto negate. Una proposta che vuole ritornare ad un conflitto tra donne e uomini. Un decreto che attacca le libertà conquistate con fatica dalle donne e che considera le violenze domestiche, la 'normalità' da accettare e non un fenomeno orribile da combattere e estirpare".

Inutile e tardivo il tentativo del governo di proporre variazioni al testo, sottolineano le Democratiche: "il ddl Pillon non va modificato, va ritirato; non esistono altre opzioni per un decreto che è insulto alla dignità dei minori e delle donne. Il presidio aquilano è aperto a tutte le persone che credono nella civiltà della Democrazia, nella cultura del rispetto per una convivenza civile, nei diritti delle donne e hanno a cuore la tutela e la serenità dei minori, le cui esigenze vengono calpestate da un decreto indegno".

Articoli correlati (da tag)