Stampa questa pagina
Giovedì, 14 Marzo 2019 14:50

Vigilanza, Filcams Cgil vs. società Aquila srl: "Dipendenti senza stipendio da dicembre"

di 

La Filcams Cgil provinciale denuncia "con forza l’atteggiamento posto in essere dalla società Aquila S.r.l., che gestisce gli appalti di vigilanza privata presso enti pubblici e privati dell’Aquila e provincia, ovvero presso la giunta regionale d’Abruzzo, la Asl 1 Avezzano-L’Aquila-Sulmona, l’Inps provinciale e la Leonardo Spa dell’Aquila".

Il sindacato, si legge in una nota, "fa presente che i lavoratori dipendenti della società Aquila S.r.l. non percepiscono lo stipendio dal mese di dicembre 2018, oltre a vantare la retribuzione di gennaio e febbraio 2019. Nonostante il nostro ricorso al prefetto dell’Aquila, dal quale (con l’incontro dello scorso 24 gennaio) si è usciti con un mancato accordo, ad oggi nulla è cambiato in merito, anzi adesso i lavoratori vantano tre retribuzioni".

"Il 24 gennaio inoltre la Filcams aveva già dichiarato lo stato di agitazione, chiedendo l’intervento del prefetto e stigmatizzando i continui e sistematici ritardi nel pagamento degli stipendi. Un intervento come detto che si è chiuso con un mancato accordo, essendosi sottratta al confronto proprio la Società Aquila srl, e quindi con insufficienti promesse sul rispetto dei tempi di pagamento delle retribuzioni".

"Vogliamo ricordare inoltre che questi lavoratori svolgono un servizio armato di grande responsabilità, essendo chiamati a garantire la sicurezza e il controllo nelle sedi delle committenti. Per tutti questi motivi chiediamo alle committenti di valutare un loro subentro nel pagamento di quanto dovuto ai dipendenti della società Aquila S.r.l. E di farlo in virtù della responsabilità solidale prevista dalla normativa vigente, una richiesta che verrà ribadita anche attraverso il nostro ufficio legale".

"Chiediamo inoltre a tutti gli enti pubblici interessati di voler aprire un confronto sugli appalti, concordando la possibilità di un monitoraggio sullo svolgimento delle gare e di prevedere l’inserimento di penali nei confronti di società che si rendessero inadempienti rispetto agli obblighi retributivi e contributivi, fino alla rescissione immediata dall’appalto a salvaguardia del servizio, della sua qualità e della tutela dell’occupazione".

Articoli correlati (da tag)