Giovedì, 12 Settembre 2019 15:26

Tecnici da tutta Europa all'Aquila per un convegno sulla ricostruzione

di 

Martedì 17 settembre una trentina di tecnici dell'Eota - l’organizzazione europea per la valutazione tecnica nel settore dei prodotti da costruzione, che ha sede a Bruxelles - saranno all'Aquila per partecipare a un convegno sulla ricostruzione che si terrà nella sala Rivera di Palazzo Fibbioni.

A presentare l'evento sono stati l'assessore comunale alla Ricostruzione privata Vittorio Fabrizi e il direttore dell’istituto per le tecnologie della ricostruzione del Cnr, Antonio Occhiuzzi.

L’Eota è composta da 52 istituti europei attivi nel campo della valutazione dei prodotti da costruzione innovativi. Tali istituti, denominati allo scopo Technical Assessment Body (TABs) designati dagli Stati Membri dell’Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo.

I membri di Eota, sulla base delle loro competenze scientifiche e tecnologiche e in accordo tra loro, elaborano ed applicano i Documenti Europei di Valutazione (European Assessment Documents - Ead).

Sulla base di tali Documenti Europei di Valutazione, gli istituti valutano i prodotti con i metodi di prova concordati collettivamente ed approvati dalla Commissione Europea e rilasciano a tali prodotti le Valutazioni Tecniche Europee (Eta).

L’Eota garantisce la condivisione di esempi di buona prassi fra i suoi membri in modo da promuovere una maggiore efficienza ed offrire un servizio migliore al mondo industriale.

L’Eota opera in stretta collaborazione con la Commissione Europea, gli Stati Membri, le Organizzazioni Europee di Normazione e gli altri operatori della ricerca e delle costruzioni.

Gli esperti dei diversi Istituti che costituiscono l’Eota si occupano prevalentemente di prodotti da costruzione di natura innovativa e tra questi, anche di prodotti per il rinforzo strutturale che rappresentano un settore oggetto di una forte innovazione.

Al convegno che si terrà all'Aquila, interverranno una trentina di tencici, provenienti da tutti i Paesi dell'Unione e anche dalla Svizzera. Una volta conclusi i lavori, la delegazione visiterà due cantieri del centro storico: uno privato e uno pubblico. Per la ricostruzione pubblica è stato scelto Palazzo Margherita, in cui i lavori stanno procedendo speditamente e nel rispetto del cronoprogramma.

"La conferenza e la visita tecnica ai lavori di ricostruzione della città dell’Aquila" ha detto l'assessore Fabrizi "rappresentano un’importante opportunità di osservare l’applicazione di tali prodotti e gli importanti contributi che essi apportano in termini di sicurezza".

Chiudi