Stampa questa pagina
Giovedì, 26 Settembre 2019 19:20

Calendario venatorio, sì del Tar ma con alcuni limiti. Soddisfatto il Wwf

di 

Via libera alla stagione venatoria ma con dei limiti precisi sulla caccia ad alcune specie di uccelli.

E' questo, in sintesi, il contenuto dell'attesa sentenza del Tar dell'Aquila sul ricorso presentato da Wwf e Lega nazionale per la difesa del cane contro il calendario venatorio approvato dalla giunta Marsilio.

"Siamo soddisfatti" dichiara Filomena Ricci, delegato del WWF Abruzzo. "Innanzitutto siamo riusciti a bloccare tutte le preaperture e anzi, grazie al nostro ricorso, la caccia è restata bloccata in Abruzzo fino ad oggi e non è iniziata neppure al momento dell'avvio nazionale fissato quest'anno per il 15 di settembre".

"Siamo anche molto soddisfatti" prosegue la delegata del Wwf "del fatto che sono stati ridotti i periodi di caccia per 18 specie cui si potrà sparare solo dal 1° ottobre, non dal 15 settembre come voleva la Regione, e solo fino al 20 gennaio, invece che fino al 30 gennaio, com'era previsto dal calendario. Bene anche la riduzione di venti giorni del periodo di caccia per la beccaccia e di un mese per il beccaccino, nonché il divieto di caccia in forma vagante oltre il 31 dicembre. È sempre bene ricordare che riuscire a limitare i periodi di caccia vuol dire salvare dalla morte decine di migliaia di animali ed essere riusciti ad evitare più di un mese di caccia tra ritardato avvio e anticipo della chiusura è stato un grande risultato per il quale ringraziamo i nostri legali, Michele Pezone ed Herbet Simone, e tutti i nostri volontari che hanno lavorato al ricorso".

"Restano invece irrisolte" dice il Wwf "dall'ordinanza del Tar alcune questioni pure importanti: la caccia all'allodola, alla coturnice, al moriglione e alla pavoncella che, stante le difficoltà delle specie, andrebbe vietata; la mancata limitazione alla caccia nelle zona contigua del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise ai soli residenti; alcuni aspetti sulle distanze dalle foci dei fiumi".

"Sugli aspetti che non sono stati accolti ci confronteremo con i nostri legali e valuteremo se è il caso di presentare ricorso al Consiglio di Stato o se sia più utile attendere il giudizio di merito nel quale sarà possibile argomentare con maggiore compiutezza le questioni", conclude la Ricci.

"Particolare attenzione sarà dedicata alla gestione della caccia nell'area contigua del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, che la Regione Abruzzo fa finta di non riconoscere, perché è qui che si gioca una parte importante della battaglia per la salvezza dell'Orso bruno marsicano".

Imprudente: "Confermata validità complessiva del calendario adottato dalla Regione"

"Il verdetto del Tar conferma la validità complessiva del calendario adottato dalla Giunta Regionale, tanto che solo per alcune specie è stata sospesa la caccia vagante a settembre e a gennaio" dichiara l'assessore regionale alla Caccia, Emanuele Imprudente.

"Nonostante tutte le polemiche, le accuse e le risatine sulle presunte bocciature ad inchiostro rosso o nero - spiega Imprudente - l'ordinanza, per la quale mi ritengo soddisfatto, conferma la validità complessiva del documento predisposto. Gli uffici ora hanno lo scopo di consentire l'apertura della caccia a partire dal prossimo 2 ottobre, già è stato convocato il comitato Via per il 30 settembre".

"L'assenza di un aggiornato piano faunistico venatorio - aggiunge Imprudente - così come recita l'ordinanza del Tar, è alla base delle modifiche da apportare. Ricordo a me stesso che il Piano Faunistico, seppur strumento complesso che necessita di tempi congrui per la redazione, rivendicato dal precedente governo regionale come grande risultato, è stato approvato a scadenza di legislatura scorsa, quando hanno avuto 5 anni di tempo, e con la successiva procedura di consultazione ancora aperta: fino ad aprile sono pervenute centinaia di osservazioni, vagliate dagli uffici regionali e sulle quali l'Ispra sta rendendo la valutazione combinata finale".

"Ho chiesto in tempi brevissimi la calendarizzazione della discussione del Piano in Consiglio regionale - conclude Imprudente - per la quale ho la disponibilità di gran parte dell'assise, anche oltre il perimetro della maggioranza, e intendo giungere all'approvazione formale al più presto con la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti e con la massima partecipazione. Torno a ribadire che non giova ad alcuno farne slittare l'adozione".

Articoli correlati (da tag)