Martedì, 15 Aprile 2014 12:08

Violenza sulle donne, Lanciano: picchia e minaccia la ex per farla abortire

di 
Piazza Plebiscito a Lanciano Piazza Plebiscito a Lanciano

Violenze psicologiche, fisiche e minacce di farla abortire alla ex fidanzata al sesto mese di gravidanza, raid intimidatori sotto casa e sul posto di lavoro. Con l'accusa di stalking, lesioni aggravate e violazione di domicilio è stato arrestato ieri un 24enne di Lanciano, subito trasferito nel carcere di Villa Stanazzo, su disposizione del gip del tribunale di Lanciano, Marina Valente, che ha accolto le richieste del pm Rosaria Vecchi.

I due si erano conosciuti a luglio dello scorso anno e dopo alcuni mesi di frequentazione lei aveva scoperto di essere incinta. La notizia della gravidanza non è stata presa di buon grado dal fidanzato che, da quel momento, ha iniziato a tenere atteggiamenti violenti nei suoi confronti arrivando a dubitare sulla sua paternità. I due non vivevano insieme, ma lui si presentava in casa della ragazza insultando lei e i familiari, prendendo a calci il portone d'ingresso dell'abitazione e, in alcuni casi, lasciando anche lettere offensive e minacciose nella cassetta della posta.

Il culmine delle violenze è avvenuto quando il giovane, dopo aver minacciato la ex ragazza di farla abortire sul momento mentre si trovavano in macchina in un luogo appartato, si è presentato sul posto di lavoro della donna picchiandola, nonostante si trovasse al sesto mese di gravidanza e procurandole otto giorni di prognosi. In quest'ultima occasione sono intervenuti i carabinieri di Lanciano, che ieri hanno arrestato il 24enne.

Articoli correlati (da tag)

Chiudi