Stampa questa pagina
Venerdì, 04 Dicembre 2020 11:39

Vaccino antinfluenzale, l'Aifa dà l'ok all'importazione di altre 100 mila dosi. Per l'Abruzzo in arrivo 40 mila dosi di quello spray

di 

Buone notizie, per l’Abruzzo, sul fronte dei vaccini antinfluenzali.

L’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, per sopperire alla carenza di dosi causata, come raccontato dal Centro qualche giorno fa, dalla mancata consegna, da parte della casa farmaceutica (una multinazionale con sedi anche in Italia) che aveva vinto l’appalto, di tutto il quantitativo ordinato dalla Regione, ha autorizzato la stessa azienda a importare dall’estero altre 100 mila dosi.

A riferirlo è sempre Il Centro.

Nei prossimi giorni, inoltre, arriveranno anche circa 40 mila dosi del Laiv (Live attenuated influenza vaccine), il vaccino antinfluenzale riservato ai minori di 18 anni somministrato tramite uno spray nasale.

Lunedì scorso Il Centro aveva svelato la causa dei ritardi che si stanno riscontrando, in regione, nella campagna di vaccinazione antinfluenzale. Delle 94 mila dosi spettanti all’Abruzzo - su uno stock totale di 124 mila - secondo l’Aric, l’Agenzia regionale di informatica e committenza, il braccio operativo dell’assessorato alla Sanità, l’azienda vincitrice dell’appalto ne aveva consegnate “appena 59.600”. Non solo. L’Agenzia aveva sottolineato come anche sulla consegna delle restanti 34.400 ci fossero diverse incognite, “per problematiche inerenti la non conformità di alcune caratteristiche tecniche” riscontrate dall’Autorità del farmaco francese. Di qui la diffida, mandata sempre dall’Aric all’indirizzo della casa farmaceutica, per far rispettare “gli obblighi assunti per la pubblica fornitura con l’accordo quadro siglato il 9 ottobre 2020, dando esecuzione agli ordini d’acquisto provenienti dalle Asl della Regione”.

Per compensare queste carenze, che peraltro non riguardano solo l’Abruzzo, è intervenuta direttamente l’Aifa, un ente che risponde direttamente al ministero della Sanità. Con una determina dirigenziale, il 30 novembre l’Agenzia del farmaco ha autorizzato l'azienda farmaceutica inottemperante a importare in Italia dall’estero altre 100 mila dosi dello stesso vaccino, il Vaxigrip Tetra, ordinandole di fornirlo “alle strutture sanitarie e ospedaliere richiedenti senza apportare modifiche al prezzo di vendita”. Non è ancora chiaro quale sarà la quota parte che spetterà all’Abruzzo ma il combinato disposto di questo nuovo stock con le circa 40 mila dosi di vaccino antinfluenzale spray che arriveranno a giorni dovrebbero coprire tutto il fabbisogno residuo.

Sono già statie assegnate all’Abruzzo e saranno consegnati a giorni – è stato già fatto anche il piano di riparto tra le varie province – circa 40 mila dosi di vaccino antinfluenzale spray, quello assunto per inalazione nasale e riservato ai soggetti dai 6 mesi ai 18 anni. Con queste dosi, dovrebbe essere completata definitivamente la vaccinazione gratuita di tutti i bambini fino ai 6 anni che ad oggi sono rimasti sprovvisti dell’antinfluenzale. Tuttavia, se ci saranno eventuali eccedenze, saranno somministrate, sempre gratuitamente, anche alle altre fasce di età, fino ai 18 anni.

Articoli correlati (da tag)