Stampa questa pagina
Lunedì, 31 Maggio 2021 14:34

L'Aquila, cittadinanza onoraria a polizia. Giannini: "Grande onore"

di 

Il capo della polizia italiana, Lamberto Giannini, ha ricevuto questa mattina dal sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi e dal presidente del consiglio comunale Roberto Tinari la cittadinanza onoraria conferita al corpo dall'assise civica con una deliberazione votata all'unanimità la scorsa settimana.

La cerimonia si è tenuta nell'Auditorium del Parco alla presenza, tra gli altri, del questore dell'Aquila Gennaro Capoluongo (che proprio oggi cesserà il suo incarico nel capoluogo abruzzese per andare a ricoprire quello di questore di Messina), del presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, del prefetto Cinzia Torraco, del presidente della provincia dell'Aquila Angelo Caruso e di alcuni consiglieri comunali.

Prima di partecipare alla cerimonia, Giannini si era recato in visita alla scuola Mariele Ventre di Pettino per consegnare agli studenti la prima copia del volume "Uno scatto in blu. La provincia dell'Aquila attraverso gli occhi dei poliziotti", un libro fotografico realizzato da questura e provincia che nei prossimi giorni sarà distribuito in tutti gli istituti scolastici del territorio.

"E' veramente un grandissimo onore per la polizia di Stato" ha affermato Giannini "Sono stato travolto dall'affetto  che ho sentito da parte di tutti e in particolare dei ragazzi nei confronti della polizia. Insieme alla famiglia, alla scuola, le forze dell'ordine possono dare un contributo importante per i nostri ragazzi" ha aggiunto il prefetto Giannini. E sulla scelta del nuovo questore, in arrivo all'Aquila, ha sottolineato che sicuramente sarà all'altezza: "Proprio perché L'Aquila è una realtà importante ed è una città importante ed ha sempre espresso degli ottimi questori a breve faremo sapere, perché merita una riflessione proprio per l'importanza della città".

Il capo della polizia ha ricordato in particolare l'impegno profuso dal corpo all'indomani del terremoto del 6 aprile 2009: "All'epoca ero dirigente della Digos di Roma e eravamo sul punto di iniziare una vasta operazione di controllo del territorio a cui avevamo lavorato per mesi. Quando ci fu la scossa, d'accordo con l'allora questore dell'Aquila decidemmo di annullare l'operazione e di impiegare tutti gli uomini mobilitati sull'Aquila. In quell'occasione non solo la polizia di stato ma tutte le forze dell'ordine e tutte le istituzioni diedero il meglio di sé".

Al termine della cerimonia, Giannini e Capoluongo hanno ricevuto da Biondi e Tinari una spilla e una riproduzione del rosone della basilica di Santa Maria di Collemaggio.

Articoli correlati (da tag)