Stampa questa pagina
Lunedì, 07 Giugno 2021 09:22

L'Atletico Amiternum "accetta la sconfitta": stop alle battaglie per il campo a Preturo, "avanzi il degrado"

di 

"Dopo anni di battaglie per migliorare la situazione dell'impianto sportivo di Preturo, noi molliamo".

Si legge in una nota amara della polisportiva Atletico Amiternum. "Non ce la facciamo più - scrivono - e non vogliamo più combattere appresso ai polveroni, ai fari inclinati, alle tubazioni rotte, alle dispersioni di corrente elettrica, alle barzellette delle tensostrutture, al rischio silicosi per i giocatori e alle giuste lamentele dei residenti di via del Cantarello. Al carico della 'manutenzione straordinaria' di un impianto vecchio di oltre trent'anni sulle nostre spalle, spada di Damocle e forma di ricatto politico".

"Non abbiamo più voglia di inseguire sindaci, assessori, dirigenti e tecnici comunali - aggiungono - di scrivere articoli di proposta o di protesta, di inventare fantasiosi show in campo con le mascherine; di organizzare dibattiti e dirette facebook. Di spaccarci la schiena a bagnare il campo per evitare i polveroni o a togliere le erbacce che rendono impossibile giocare".

L'Atletico Amiternum prende atto e consapevolezza che dello sport a Preturo non interessa a nessuno. Che "non c'è speranza, che non c'è possibilità se non quella di essere presi in giro. Che non è servito proporre un dossier, motivato, di candidatura a Sport e Periferie, cioè ad un bando mirato a sostenere lo sport nelle periferie e a ridurre il disagio sociale e giovanile ma che, invece, è servito e servirà a finanziare il Centro e situazioni di assoluto privilegio sportivo".

Prendiamo atto che se sei periferia muori periferia. "Dopo venti anni di volontariato puro, ci rassegniamo; la prima squadra giocherà fuori comune, a Scoppito, i bambini dei corsi di calcio e pallavolo dove troveremo spazi, certamente non a Preturo".

Articoli correlati (da tag)