Stampa questa pagina
Mercoledì, 21 Luglio 2021 12:43

Strada regionale 261 Subequana, Camilli: "Finalmente il via ai lavori"

di 

Inizieranno nei prossimi giorni i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza della parte finale della strada regionale 261 Subequana.

Ad annunciarlo il sindaco di Acciano Fabio Camilli che, nel ruolo di Consigliere della Provincia dell’Aquila, ha seguito con attenzione tutte le fasi di questo intervento.

"I lavori che stanno per iniziare - ricorda Camilli - nascono con il programma delle opere pubbliche 2018/2020 ed in particolare con la programmazione del finanziamento previsto dal Decreto ministeriale 49/2018 per la manutenzione della rete viaria delle Provincie. Un finanziamento che ha consentito alla nostra Provincia di programmare importanti interventi tra cui questo sulla strada regionale 261 che tutti, però, avremmo voluto realizzare prima. I lavori sulla subequana, infatti, iniziano soltanto adesso nonostante il tentativo di anticiparli con la proposta, approvata all’unanimità nella competente Commissione a marzo 2018, e poi con l’interpellanza, oggetto di discussione in Consiglio provinciale".

Si tratta, dunque, di un intervento atteso da tempo e con il quale l’Amministrazione provinciale arriva, finalmente, ad affrontare alcune emergenze della principale via di collegamento della valle Subequana. In particolare, quelle del tratto compreso tra i Comuni di Fontecchio e Molina Aterno dove, appunto, si prevede la riqualificazione generale del corpo stradale e la messa in sicurezza dei guardrail per una spesa complessiva di 300 mila euro.

"Tutto questo - conclude Fabio Camilli - anche se risolve un problema più volte rappresentato da cittadini ed amministratori locali, non deve comunque far dimenticare che la viabilità dell’area necessita ancora di tanto altro. Pertanto, oltre alla realizzazione nel più breve tempo possibile di tutti gli interventi già programmati - come quello sempre più urgente sulle strade provinciali 9 marsicana e 11 sirentina - l’impegno dell’Amministrazione provinciale deve essere anche quello di trasferire all’ANAS la gestione della stessa strada regionale su cui oggi si interviene. Un trasferimento che, come evidenziato in una mia proposta deliberativa presentata al Consiglio provinciale a gennaio 2018, garantirebbe di superare rapidamente tutte le emergenze che interessano la strada principale della valle subequana e che richiedono risorse di cui la Provincia dell’Aquila sicuramente non può disporre".

Articoli correlati (da tag)