Stampa questa pagina
Lunedì, 07 Marzo 2022 08:53

Abruzzo sta predisponendo il piano per l'accoglienza dei profughi ucraini

di 
Abruzzo sta predisponendo il piano per l'accoglienza dei profughi ucraini Foto 'Avvenire'

Regione Abruzzo sta predisponendo il piano per l'accoglienza dei cittadini e delle cittadine ucraine in fuga dalla guerra.

E' fissata per domani, alle 12:15 nella sala operativa della Protezione civile regionale all'Aquila, l'unità di crisi che deciderà quali strutture attivare per l'ospitalità: oltre ai centri di accoglienza, si parla degli alberghi della costa, del progetto Case dell'Aquila e dell'Interporto di Avezzano; potrebbero essere utilizzati anche gli alloggi messi a disposizione dai cittadini privati: sono 120 le famiglie abruzzesi che, ad oggi, hanno risposto alla chiamata di associazioni e comunità di ucraini integrati in regione, mettendo a disposizione stanze, appartamenti vuoti o seconde case per ospitare i profughi. Chi volesse contribuire in questo modo deve rivolgersi alla prefettura della propria provincia; sono i tavoli tecnici insediati dai prefetti, infatti, che smistano i profughi in arrivo sul territorio che non abbiano già amici o familiari residenti che possano ospitarli. Ai tavoli delle prefetture siedono anche i rappresentanti dei Comuni, della Croce Rossa e delle associazioni che si occupano dell'assistenza, come la Caritas. Quindi le offerte di abitazioni o posti letto possono essere presentate anche a loro.

Al vertice di domani parteciperanno il governatore e commissario per l'emergenza Marco Marsilio, i prefetti, il responsabile della Protezione civile abruzzese Mauro Casinghini, il presidente di Anci Abruzzo Gianguido D'Alberto, l'assessore regionale alla Sanità Nicoletta Verì, i direttori generali delle quattro Asl, il responsabile regionale delle maxi emergenze sanitarie Alberto Albani e quello della campagna di vaccinazione Maurizio Brucchi.

Nel frattempo, il Governo ha attivato i sistemi sanitari per vaccinare i profughi in arrivo: gli ucraini - che hanno una percentuale di protezione vaccinale inferiore a quella degli italiani - riceveranno la tessera sanitaria provvisoria e, dalle Asl, la somministrazione del vaccino anti-Covid negli hub e nei centri di accoglienza. In Abruzzo ci sono scorte per oltre 180mila dosi dei sieri Pfizer e Novavax. Ma i profughi riceveranno anche vaccini di routine, come quelli per Morbillo e Pertosse.

Mobilitate anche le scuole per accogliere i bambini ucraini: il ministero dell'Istruzione ha inviato una nota alle istituzioni scolastiche con le prime indicazioni e le prime risorse (stanziato subito un milione di euro) previste per garantire il diritto allo studio e il supporto psicologico e linguistico a bambini e ragazzi in fuga dalla guerra.

Ultima modifica il Lunedì, 07 Marzo 2022 15:21

Articoli correlati (da tag)