Martedì, 09 Dicembre 2014 17:13

Mafia Capitale: l'appalto da un miliardo con Manutencoop e Cascina

di 
Luca Odevaine Luca Odevaine

Spuntano questa volta insieme i nomi delle due cooperative colossi La Cascina e Manutencoop. La prima, cosiddetta bianca (perché legata ad ambienti vicini a Comunione e Liberazione e di estrazione ex democristiana) e la seconda, rossa (perché, al contrario, proveniente dalla tradizione delle cooperative una volta vicine al Pci), a braccetto anche dentro gli intrecci inquietanti quanto complessi dell'inchiesta "Terra di mezzo", che sta in questi giorni sconvolgendo Roma.

Secondo alcune intercettazioni pubblicate oggi da Il Fatto Quotidiano, La Cascina e Manutencoop avevano orientato gli sguardi verso la gestione integrata (Global service) di tutte le strutture sanitarie regionali. Un appalto mostruoso, dell'importo di circa 1 miliardo di euro. Una gara che, ad oggi, è ancora in via di aggiudicazione.

Quelli di Cascina e Manutencoop sono due nomi che da anni rimbalzano anche in Abruzzo, e nello specifico all'Aquila: la prima perché proprietaria della Vivenda Spa, colosso della ristorazione collettiva che gestisce le mense scolastiche e ospedaliere del capoluogo abruzzese; la seconda in quanto titolare della manutenzione dell'ingente patrimonio del Progetto Case, le aree costruite dal governo Berlusconi per fronteggiare l'emergenza abitativa dopo il terremoto del 2009.

A parlare dell'alleanza imprenditoriale sul mega appalto del Global service romano è al telefono Luca Odevaine, uno degli arrestati di Mafia Capitale, ex vicecapo del gabinetto dell'ex sindaco Walter Veltroni: "Ho parlato di una gara che sta cominciando a predisporre la Regione Lazio... stiamo parlando di una roba che vale un miliardo... [...] A me mi ha interessato a questa cosa Manutencoop... perché sanno che c'ho delle relazioni, sanno che lavoravo con Zingaretti". Odivaine si sarebbe offerto come interlocutore di Maurizio Venafro, capo di gabinetto del governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti, attraverso l'intermediazione del parlamentare europeo del Partito Democratico Goffredo Bettini, a sua volta - secondo Odivaine - padre putativo di Venafro. Quest'ultimo ha smentito, tuttavia, di essere mai stato avvicinato.

Per Odivaine il Pd ha tutto l'interesse affinché l'affare vada in porto, per una questione di rapporti con Comunione e Liberazione: "Stanno lavorando insieme - afferma al telefono - con Alfano e Lupi (rispettivamente ministro dell'Interno e delle Infrastrutture del Nuovo Centrodestra, ndr) e credo che questo può essere uno strumento anche per sostenere il partito su cui si stanno impegnando fortemente.. Nicola (Zingaretti, ndr) deve a loro molto, nel senso che l'hanno sostenuto". Nell'informativa dei Ros riportata su Il Fatto si afferma che sarebbe stata fondamentale, vista la consistenza dell'appalto, l'ati (associazione temporanea di imprese) tra La Cascina e Manutencoop.

Sulla holding La Cascina [leggi la scheda nell'appendice], Odevaine al telefono si spinge con le definizioni: "più che un nome è un... diciamo così è un sistema... diciamo così Cl (Comunione e Liberazione, ndr)... quindi Compagnia delle Opere...".

Della Cascina, o meglio della sua controllata Vivenda, vi abbiamo parlato nei mesi scorsi, a proposito dell'inchiesta di NewsTown sull'affidamento dei servizi ospedalieri del San Salvatore dell'Aquila, da tre anni senza gara d'appalto, ad oggi ancora aperta. La Vivenda è spuntata poi recentemente negli uffici della Corte dei Conti del capoluogo abruzzese, per l'affidamento dei servizi di mensa scolastica da parte del Comune. La Manutencoop, invece, è stata negli ultimi mesi al centro dello scandalo sulle tangenti per l'Expo 2015 a Milano, in riferimento alla realizzazione della Città della salute.

Gli intrecci tra Mafia Capitale e l'Abruzzo interno - di cui vi abbiamo già parlato - sono insomma tutt'altro che blandi. In un Paese in forte crisi economica, anche la criminalità che muove grandi capitali - alleandosi con trasversalità - si direzione verso dove c'è disponibilità di liquidità: che sia dovuta al grande evento dell'Expo, all'emergenza migranti o a quella aquilana.

Ultima modifica il Martedì, 09 Dicembre 2014 18:05

Articoli correlati (da tag)

Chiudi