Sabato, 27 Dicembre 2014 14:01

Ripercorrendo l'anno: gli episodi di cronaca del 2014 (seconda parte)

di 

Sta arrivando il momento di archiviare il 2014, il primo anno che il nostro giornale - nato nel marzo 2013 - ha passato interamente insieme a voi lettori. 

Abbiamo ripercorso alcuni degli episodi di cronaca più rilevanti. Ieri la prima puntata da gennaio fino a giugno, oggi la seconda parte di un anno ricco di avvimenti. 

 

LUGLIO

L'inchiesta 'Dirty Job'

Il mese di giugno si era chiuso con l'operazione 'Dirty Job'. I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria dell'Aquila eseguono sette ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti imprenditori, operanti nella ricostruzione post-terremoto, per i reati, a vario titolo, di 'contiguità con il clan dei casalesi', estorsione aggravata dal metodo mafioso, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Finiscono ai domiciliari Elio Gizzi, ex presidente dell'Aquila calcio, e i fratelli Dino e Marino Serpetti. Destinatari di misure cautelari in carcere, invece, Alfonso, Cipriano e Domenico Di Tella, originari del casertano ma da tempo attivi a L'Aquila, oltre a Michele Bianchini di Avezzano. Luglio è il mese degli interrogatori: Gizzi si difende davanti al Gip.

Case e Map, mancati sfratti dei morosi: Corte dei conti cita a giudizio il sindaco Cialente

Il sindaco Massimo Cialente riceve, la mattina dell'11 luglio, l'atto di citazione della Procura della Corte dei Conti per grave danno erariale, pari a 11milioni e 871mila euro, da dividere equamente con l'Assessore all'Assistenza alla Popolazione Fabio Pelini, l'Assessore al Patrimonio Alfredo Moroni ed la dirigente Patrizia del Principe. L'accusa: non aver sfrattato i nuclei familiari assegnatari di progetto Case e Map morosi rispetto al pagamento di una quota di compartecipazione, per sostituirli con nucle familiari godenti del trattamento di autonoma sistemazione. In questo modo - la tesi della Corte dei Conti - si sarebbe potuto risparmiare. L'udienza è fissata per il 16 dicembre 2014.

 

AGOSTO

Cantieri dell'Immaginario, successo per la III edizione

Con lo straordinario concerto di Dee Dee Bridgewater si conclude la terza edizione de "I Cantieri dell’Immaginario", che ha animato L’Aquila dal 14 luglio al 13 agosto. Oltre 11mila le presenze registrate nel corso delle 27 serate di programmazione. Un successo che verrà premiato anche dal Mibact. Pochi giorni, e la sera del 23 agosto prendono il via le celebrazioni per l'edizione 720 della Perdonanza Celestiniana.  

Comune, la maggioranza traballa. Cialente: "Alcuni consiglieri stanno giocando"

A fine mese, scricchiola la maggioranza di centrosinistra in Consiglio comunale. Al momento del voto sull'ampliamento del sedime aeroportuale, a Preturo, viene infatti a mancare il numero legale. Manifesti i mal di pancia di alcuni consiglieri che sostengono la giunta Cialente. Il primo cittadino: "In una fase molto difficile per la nostra città ci sono consiglieri comunali che stanno giocando".

 

SETTEMBRE

Progetto Case, crolla balcone a Cese di Preturo: la magistratura dispone il sequestro

Il 1 settembre, crolla un balcone al progetto Case di Cese di Preturo. Per fortuna, senza danni per gli assegnatari della palazzina che, qualche tempo dopo, verrà sfollata. L'indomani, il sostituto procuratore della Repubblica Roberta D'Avolio dispone il sequestro del balcone e della porzione esterna della facciata dell'edificio oggetto di distacco dell'elemento crollato, al fine di procedere agli accertamenti tecnici per verificare le cause del crollo. Nel mese di ottobre, l'indagine della Procura porterà al sequestro di 800 balconi in 500 appartamenti del progetto Case di Cese di Preturo, Arischia, Coppito 2, Collebrincioni e Sassa.

Giovanni Legnini eletto al Csm. Lolli in Parlamento e al Governo?

Settembre è il mese della 'rivoluzione' in seno alla governance della ricostruzione. Infatti, Giovanni Legnini viene eletto al Csm (a fine mese, sarà poi nominato vicepresidente) e lascia il ruolo di sottosegretario all'Economia con delega al Cratere. Il vicepresidente della Giunta regionale, l'aquilano Giovanni Lolli, è il primo dei non eletti e dovrebbe sostituirlo: rinuncerà, per mantenere il ruolo affidato da Luciano D'Alfonso. Una decina di giorni dopo l'addio al cratere di Legnini, lascia anche il titolare dell'Usra, Paolo Aielli

Sharper: i ricercatori invadono la città

Il 25 settembre, è la notte europea dei ricercatori: 25mila persone invadono il centro storico dell'Aquila, partecipando a seminari, laboratori, appuntamenti interattivi, a viaggi alla scoperta della scienza e dei suoi protagonisti. La rettrice Paola Inverardi: "E' il futuro che stiamo immaginando". 

Regione Abruzzo: arrestato il super dirigente Antonio Sorgi

Il mese si chiude con il clamoroso arresto di Antonio Sorgi, alto dirigente di Regione Abruzzo, con l'accusa di turbativa d'asta. L'inchiesta 'Re Sole' getta un'ombra foschissima sulla politica regionale dell'ultimo decennio

 

OTTOBRE

Valorizzare un patrimonio immenso: L'Aquila, ecco il 'Festival della Montagna'

Il 2 ottobre, si apre la prima edizione del 'Festival della Montagna' che, fino al 5, animerà il villaggio allestito al Parco del Castello e le splendide vette aquilane. La manifestazione ha uno straordinario successo di pubblico, con oltre 20mila presenze

Accademia dell'Immagine, Cialente e cda condannati dalla Corte dei Conti

Come non bastasse la citazione in giudizio per i mancati sfratti al progetto Case, il sindaco Cialente ha altri guai con la Corte dei Conti che lo condanna, insieme al Cda dell'Accademia dell'Immagine, a pagare un totale di circa 396mila euro per danno erariale. Al centro dell'inchiesta, i buchi nel bilancio del 2007 e del 2008 dell'ente culturale e gli artifici contabili messi in atto per evitarne la liquidazione.

Aeroporto dei Parchi, scoperta discarica abusiva: 6 indagati

Il 21 ottobre, si scatena l'ennesima bufera sull'aeroporto dei Parchi di Preturo. Il Corpo Forestale dello Stato, la Guardia di Finanza e la Polizia di Stato eseguono dei decreti di sequestro preventivo (art 321 c.p.p.), emessi dal gip dell'Aquila Guendalina Buccella, nonché un decreto di sequestro probatorio di una parte dell'area interna all'aeroporto. Gli inquirenti hanno scoperto, infatti, che terra da scavo e macerie edili, provenienti da edifici privati ubicati a L'Aquila, distrutti dal terremoto, sono stati smaltiti in una discarica abusiva di circa 20mila metri quadrati in una zona interna allo scalo, a nord della pista d'atterraggio. Sei le persone finite sotto inchiesta in quanto ritenute responsabili di traffico illecito di rifiuti speciali e di discarica abusiva. Gli indagati sono Giuseppe Musarella, amministratore unico della Xpress, Ignazio Chiaramonte, direttore commerciale della stessa società, l'ingegnere Mario Corridore, dipendente del Comune dell'Aquila, Piero Negrini, socio della Delta Impianti dell'Aquila, Rachele e Antonio Lunari, rappresentanti della Lunari srl di Rieti. Qualche giorno dopo, l'Enac chiude lo scalo ai voli commerciali

 

NOVEMBRE

Ricostruzione, il clamoroso annuncio del Pd: "6.2mld per il cratere"

Ad aprire il mese di novembre è il 'fragoroso' annuncio del Partito democratico: ci sono 6.2 miliardi di euro per la ricostruzione del cratere, fino al 2018. 5.1 miliardi freschi, inseriti nel testo della Legge di Stabilità 2015 (la vecchia Finanziaria), che vanno aggiunti al miliardo e 129milioni previsti in stanziamenti pregressi ancora da assegnare. In realtà, la Legge finanziaria vincola gli stanziamenti, garantendone la competenza, per 3 anni: a meno di definanziamenti delle voci di spesa - in genere, non accade mai - sono assicurati dunque i fondi per il 2015, il 2016 e il 2017: 2miliardi e 200milioni. Si tratta di fondi freschi, di nuovi stanziamenti. E i restanti 2miliardi e 900milioni? Sono allocati al 2018 e per gli anni successivi. E' un impegno di spesa del governo. Fondi che possono essere altrimenti rimodulati, se l'economia del Paese dovesse subire ulteriori scossoni. Niente di certo, quindi. 

Grandi rischi: 6 scienziati assolti dall'accusa di omicidio colposo e lesioni perché 'il fatto non sussiste' Due anni a De Bernardinis

Il 10 novembre arriva l'ennesima doccia gelata, per gli aquilani. Alle 17:14, il collegio giudicante della Corte d'Appello dell'Aquila - composto da Fabrizia Ida Francabandera (uno dei due presidenti di sezione Penale) e dai consiglieri Carla De Matteis e Marco Flamini - ribalta la sentenza di primo grado nel processo alla 'Commissione Grandi rischi'. Agli imputati veniva contestata la morte di 29 persone e il ferimento di altre quattro: per questo, in primo grado erano stati condannati a 6 anni. Vengono tutti assolti. Il fatto non sussiste. Paga soltanto Bernardo De Bernardinis, già vicecapo del settore tecnico del Dipartimento di Protezione civile, condannato a due anni di reclusione. Tre giorni dopo, la rabbia dei cittadini si manifesta con un sit-in alla Villa Comunale. 

L'Aquila: maltrattamenti in asilo nido, sospese tre educatrici

Il mese si chiude con una vicenda che farà molto discutere. Su coordinamento della Procura della Repubblica di L'Aquila, gli agenti della Squadra mobile della Questura eseguono tre misure cautelari di sospensione dall'esercizio della professione di educatrici emesse dal Gip Buccella nei confronti di tre maestre del 'Cip e Ciop', asilo nido dell'Aquila, ritenute responsabili di maltrattamenti in danno di minori.

 

DICEMBRE

Romanzo criminale a Roma: arresti bipartisan per associazione di stampo mafioso. Indagato anche Alemanno

Dicembre si apre con la clamorosa indagine sulla 'Mafia Capitale'. 37 persone arrestate (29 in carcere, 8 ai domiciliari): un "ramificato sistema corruttivo" pilotava l'assegnazione di appalti e finanziamenti pubblici dal comune di Roma e dalle aziende municipalizzate, con interessi anche nella gestione dei centri di accoglienza per gli immigrati. E' quanto emerge dalle indagini del Ros che portano alle misure restrittive che i Carabinieri eseguono la mattina del 2 dicembre, tra le province di Roma, Viterbo e Latina. Al centro delle indagini del Ros un sodalizio mafioso facente capo all'ex terrorista nero Massimo Carminati, con diffuse infiltrazioni nel tessuto imprenditoriale, politico e istituzionale. Tra gli arrestati c'è anche l'ex ad dell'Ente Eur, Riccardo Mancini, braccio destro dell'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, indagato. La sua abitazione è stata perquisita. Arrestato Luca Odovaine, ex capo di gabinetto di Walter Veltroni, e l'ex numero 1 di Ama, Franco Panzironi. Con il passare dei giorni, si scopriranno 'intrecci' pericolosi tra Mafia Capitale e l'Abruzzo, in particolare con il cratere

Grandi Rischi bis, gli occhi della Procura sull'intervista di NewsTown a Franco Gabrielli

L'intervista che il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli ha rilasciato a NewsTown - a margine di un incontro a Savona su 'Il caso Italia: fra bellezza ed emergenza' - viene portata all'attenzione della Procura Generale dell'Aquila dalle parti civili nel procedimento 'Grandi Rischi bis' che vede come unico imputato Guido Bertolaso. L'intenzione delle parti civili è di garantire altro materiale probatorio alle indagini che chiamano in causa l'ex capo della Protezione Civile per omicidio colposo plurimo e lesioni colpose. Qualche giorno dopo, arriva la 'clamorosa' conferenza stampa di alcuni parenti delle vittime del terremoto che chiedono, senza mezzi termini, di processare Bertolaso. 

Discarica di Bussi: il fatto non sussiste

Tra le polemiche per il processo alla Grandi Rischi, arriva un'altra assoluzione, stavolta per gli ex amministratori Montedison coinvolti nell'inchiesta sulla mega discarica di Bussi. Tutti assolti dal reato di avvelenamento perché il fatto non sussiste. Il reato di disastro ambientale, invece, viene derubricato in disastro colposo e quindi va in prescrizione. E' la sentenza emessa il 19 dicembre dalla Corte d'Assise di Chieti, presieduta dal giudice Camillo Romandini (giudice a latere Paolo Di Geronimo). I pm del tribunale di Pescara Giuseppe Bellelli e Anna Rita Mantini avevano chiesto 18 condanne e un'assoluzione e pene da 4 a 12 anni e otto mesi.

L'Aquila: blitz contro terrorismo neofascista, 14 arresti 

Il 2014 si chiude con l'operazione dei Ros coordinata dalla Procura dell'Aquila che porta all'arresto di quattordici persone e a perquisizioni a carico di altri 31 indagati di undici regioni italiane, tutti accusati di far parte di una formazione di estrema destra con base in Abruzzo denominata "Avanguardia Ordinovista"Un "gruppo clandestino che, richiamandosi agli ideali del disciolto movimento politico neofascista 'Ordine Nuovo', progettava azioni violente nei confronti di obiettivi istituzionali, utilizzando i social network quale strumenti di propaganda eversiva".

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Lunedì, 29 Dicembre 2014 09:01

Articoli correlati (da tag)

Chiudi