Domenica, 23 Agosto 2015 22:50

L'Aquila, 721ª Perdonanza: la cerimonia inaugurale [fotogallery]

di 
L'Aquila, 721ª Perdonanza: la cerimonia inaugurale [fotogallery] foto Luca Bucci

Con la tradizionale accensione del tripode, è stata dichiarata aperta dal sindaco dell'Aquila Massimo Cialente la 721esima edizione della Perdonanza Celestiniana.

Nell'inconsueto scenario della scalinata della Basilica di San Bernardino - ridonata alla città qualche mese fa - si è svolta la cerimonia solenne, essendo inadeguata Piazza Palazzo, in quanto invasa da alcuni cantieri della ricostruzione. L'appuntamento ha preceduto giochi di luci e suoni davvero particolari e suggestivi. 

Particolare e "nuovo di zecca" il tripode: è infatti un opera d'arte donata da Sergio Sfarra, dell'Accademia delle Belle Arti del capoluogo. L'istituto - è stato annunciato - donerà un tripode ogni anno per le prossime cinque edizioni.

Il momento clou ha visto come di consueto i tedofori con la fiaccola, che viaggia come noto nella settimana precedente al 23 agosto, proveniente dal Monte Morrone.

L'ultimo tratto, quest'anno, è stato effettuato in coppia dai giovani africani richiedenti asilo: Samuel, nigeriano e cristiano, e Iddriss, ghanese e musulmano. Samuel è partito dalla Nigeria a causa della guerra civile, e dopo un lungo viaggio è arrivato in Libia e poi in Italia, lo scorso aprile. Iddriss se n'è andato dal Ghana quando è rimasto solo, sempre a causa della guerra, con un anziano zio. Ci ha messo due mesi per arrivare dal suo Paese all'Italia, anch'egli attraversando la Libia: "E' importante per me portare la fiaccola - ha dichiarato a NewsTown - perché è la dimostrazione che cristiani e musulmani possono stare bene insieme".

Sul palco, come da protocollo, le maggiori autorità politiche per i saluti istituzionali. In platea, a lume di flash, tutta la classe dirigente cittadina, oltre le maggiori autorità religiose e militari.

"Dopo il sisma i valori dell'Abruzzo si sono stretti e legati ancora di più al suo capoluogo - ha dichiarato l'assessore regionale Dino Pepe, presente in luogo del governatore Luciano D'Alfonso - a noi politici farebbe bene leggere e rileggere la Bolla di Celestino, per i valori di pace ed ecumenismo che trasmette". Intenso l'intervento del presidente della Provincia Antonio De Crescentiis, che ha parlato dei "diseredati che sfuggono alla notte, alle torture e alle guerre, e che hanno diritto a raggiungere l'eguaglianza". Lo sfondo della misericordia e dell'accoglienza sulla questione dell'immigrazione da Nordafrica e Medio Oriente è un fil rouge che unisce idealmente tutti gli interventi.

L'edizione 2015 è anche la nona (e penultima) Perdonanza inaugurata dal primo cittadino Massimo Cialente, nonché quella d'avvicinamento alla Namibia dove, a novembre, l'evento sarà riconosciuto patrimonio immateriale dell'Unesco: "Merito di tutte le decine di generazioni che da più di 700 anni onorano in ogni contesto e situazione questa ricorrenza", sottolinea il Sindaco, che apre il suo intervento chiedendo un commosso applauso per Stefano Vittorini, ex vice sindaco scomparso alcuni giorni fa.

E sulla scelta di una dama di origini venezuelane, che ha fatto mugugnare qualche aquilano sui social network, Cialente a NewsTown è laconico: "E' stata scelta perché è di fatto un'aquilana: è venuta per un mese nel 2009 e ha subito sofferto, come tanti, il famoso mal d'Aquila. Per questo è rimasta".

La fotogallery di Luca Bucci

Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Inaugurazione P...
Ultima modifica il Lunedì, 24 Agosto 2015 17:53

Articoli correlati (da tag)

Chiudi