Stampa questa pagina
Lunedì, 18 Luglio 2016 00:01

L'Aquila: 'Ju Boss' chiude per lavori. Si può 'giocare' in cantina, però

di 

Ieri, la 'Festa della Madonna del Carmine', una delle tradizioni aquilane. Finita la festa, poi, le porte si sono chiuse e non riapriranno prima di qualche mese.

Come avevamo anticipato alla metà di novembre 2015, con l'inizio della pausa estiva - altra tradizione, da metà luglio a metà agosto - ha chiuso ieri la storica 'Cantina del Boss', punto di riferimento e di aggregazione per generazioni e generazioni di aquilani. Il palazzo che ospita la cantina, infatti, sarà oggetto di lavori di restauro post-sisma, nei prossimi mesi. E' stato inserito - in novembre appunto - nel tredicesimo elenco dei contributi per la ricostruzione; tuttavia, le opere di restauro prenderanno il via soltanto ora, risolti alcuni problemi logistici legati alla cantierizzazione dell'area: fino a qualche giorno fa, infatti, c'era un cantiere nella vicina via dei Sali e ne era stato aperto un altro anche nella zona della Commenda.

Con l'estate, si potranno finalmente montare le impalcature. E il 'Boss' chiuderà, in attesa di riaprire i battenti a lavori conclusi.

A novembre, avevamo anche anticipato che la cantina avrebbe potuto riaprire, passata la pausa estiva, nei locali innanzi alla locazione attuale, nel restaurato Palazzo Bonanni, al piano terra. Locali che, d'altra parte, sono di proprietà dei titolari de 'Ju Boss'. A quanto si apprende, tuttavia, si starebbe ancora decidendo se trasferire il locale o se attendere, invece, la fine dei lavori.

La cantina, con il suo splendido bancone in legno e cuoio, vende vino all'ingrosso e al dettaglio in quegli stessi locali da ben 129 anni. Nota inizialmente con il nome di Cantina dell'uomo nero, diventò la Cantina del Boss nel 1931, quando titolare divenne Mariano, padre degli attuali proprietari Franco e Giorgio Massari e chiamato "Boss" perché precedentemente emigrato negli Stati Uniti. Il locale (tra i pochi chiuso tutti i weekend) è noto dentro e fuori città per il tradizionale aperitivo di Natale: il 24 dicembre, a partire dalla mattina e fino a tardo pomeriggio, migliaia di persone si recano in cantina e, a prescindere dalle condizioni atmosferiche, sostano per ore in piazza Regina Margherita per brindare e scambiarsi i regali di Natale.

I più affezionati potranno consolarsi, tuttavia, con il gioco da tavola "Sciccisu? Scopri l'assassino", ambientato proprio nella vecchia cantina. Si tratta dell'ennesima, geniale trovata di "L’A", gruppo di ragazze e ragazzi aquilani che lavorano per valorizzare e promuovere gadget, attività ed eventi legati al territorio e alla sua cultura, con ironia, innovazione e creatività. Si tratta di una sorta di 'Cluedo': i giocatori - come e veri propri detective - dovranno individuare l'assassino di un cliente, Mariano o Ju Biondo, il luogo del delitto, lo scantinato o la cucina, e l'arme utilizzata, il panino con la frittata o il barattolo di uovo? 7 i possibili indiziati, 7 le possibili armi del delitto e 7 le stanze della cantina da perlustrare. Chi riuscirà a smascherare il criminale?

 

Ultima modifica il Lunedì, 18 Luglio 2016 00:37

Articoli correlati (da tag)