Stampa questa pagina
Venerdì, 01 Febbraio 2019 17:27

Società Aquilana dei Concerti Barattelli: tre concerti nel fine settimana

di 

Torna a L’Aquila nel cartellone della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, uno dei quartetti italiani più famosi nel mondo: il Quartetto di Cremona, che avrà il compito di avviare l’edizione integrale dei Quartetti per Archi di Beethoven, che si svilupperà in una serie di concerti fino al 2020, anno in cui ricorre il 250° della nascita di Beethoven (1770).

L’appuntamento è presso l’Auditorium del Parco, domenica 3 febbraio con inizio alle ore 18.

Il quartetto nasce nel 2000 da musicisti formati all’Accademia Walter Stauffer di Salvatore Accardo e poi è stato sostenuto dalla Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Piero Farulli. Ovunque abbia portato la sua musica, il gruppo ha entusiasmato il pubblico e la critica. In formazione quattro straordinari musicisti: i violinisti Cristiano Gualco e Paolo Andreoli, il violista Simone Gramaglia e il violoncellista Giovanni Scaglione. Certamente la musica cameristica per archi di Beethoven è uno dei pilastri del repertorio del Quartetto di Cremona che ne ha già inciso un’integrale in una fortunata edizione discografica. In questo primo concerto saranno eseguiti il Quartetto in sol maggiore op. 18 n. 2, il Quartetto in fa minore op. 95 “Serioso” e il Quartetto in fa maggiore op. 135.

Si segnala che il Quartetto di Cremona è stato scelto come testimonial per il progetto “Friends of Stradivari” e suona con strumenti di assoluto pregio: Cristiano Gualco suona un violino Giovanni Battista Guadagnini (Torino 1776), Paolo Andreoli un violino Paolo Antonio Testore (Milano ca 1758), Simone Gramaglia suona una viola Gioachino Torazzi del 1680 ca. e Giovanni Scaglione un violoncello Don Nicola Amati (Bologna 1712), strumenti forniti dalla Fondazione Kulturfonds Peter Eckes e dalla Nippon Foundation.

Grazie anche alle loro fortunate incisioni premiate ed apprezzate, il Quartetto di Cremona è considerato dalla critica internazionale il vero erede dello storico Quartetto Italiano.

Sempre dpomenica 3 febbraio, nell’ambito di Musica in Tour, il progetto della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” che mette in circolazione musica e musicisti nel territorio, sono programmati due concerti uno a Pizzoli presso l’Auditorium “V. Del Tosto” con inizio alle ore 18 e l’altro nella Sala Consiliare di Bussi sul Tirino (PE) con inizio alle ore 17.

In quel di Pizzoli arriva il funambolico e divertente Marsican Brass Quintet con un programma che va da riletture di celebri pagine da Rossini fino ai Queen passando per il jazz, le colonne sonore e la musica leggera. Il gruppo nasce quasi come un esperimento di cinque amici musicisti impegnati a promuovere la musica da camera per ottoni. I componenti del Marsican Brass Quintet sono in formazione: trombe Marco Scamolla e Giuseppe Iacobucci, corno Giovanni Piacente, trombone Stefano Tomasi, basso tuba Alessandro Caretta, strumentisti molto attivi sia come solisti che in formazioni cameristiche e sinfoniche.  

A Bussi sul Tirino, come primo appuntamento di cinque programmati di Musica in Tour, si esibisce invece la coinvolgente Fire Dixie Jazz Band che nasce da un gruppo di professionisti provenienti da esperienze diverse ma legati da un unico catalizzatore, il jazz tradizionale, riproponendo lo stile delle orchestre itineranti che operavano a New Orleans agli inizi del ‘900. Una band con la sinergia di tromba, clarinetto e voce, sax, banjo e percussioni; in alcuni casi anche del trombone: Leonardo Crescimbeni, Armando Mortet, Raffaele Gaizo, Pietro Crescimbeni, Michele Pavese; farà riascoltare belle pagine musicali di Gershwin, Carmichael, Ellington ed altri in una cornice degli anni ruggenti, il tutto arricchito da brani dello “swing italiano” degli anni quaranta.

I concerti sono realizzati in collaborazione con il Comune di Pizzoli e il Comune di Bussi sul Tirino. Domenica prossima Musica in tour approda a Rocca Di Mezzo e San Demetrio ne’ Vestini.

Articoli correlati (da tag)