Giovedì, 22 Agosto 2019 00:11

Jazz italiano per le terre del sisma 2019, sarà l'edizione delle donne

di 
Maria Pia De Vito Maria Pia De Vito

E’ iniziato il conto alla rovescia per l’edizione 2019 del "Jazz italiano per le terre del sisma".

Sul sito della manifestazione - promossa da ministero dei Beni Culturali e Comune dell’Aquila e organizzata dalla Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano”, dalle associazioni I-Jazz e MIDJ (Musicisti Italiani di Jazz) e dalla Casa del Jazz, con il sostegno economico della Siae (main sponsor) e di NuovoImaie (l’associazione che gestisce i diritti degli artisti interpreti o esecutori) – è già online il programma, anche se la presentazione ufficiale, con tutti i dettagli, si farà in una conferenza stampa in programma all’Aquila lunedì prossimo. Un appiuntamento al quale parteciperà anche il direttore artistico Paolo Fresu.

L’Aquila, come da quattro anni a questa parte, sarà la tappa finale di una serie di eventi che inizierà sabato 24 agosto e vedrà coinvolte, oltre all’Abruzzo, le altre tre regioni colpite dai terremoti degli ultimi anni, ovvero Lazio, Marche e Umbria.

Fino al 31 agosto, ci saranno percorsi di musica e trekking che si snoderanno nelle “terre del sisma” fermandosi in alcuni luoghi e città simbolo come Camerino, Fiastra, Ussita, Castelluccio, Norcia, Accumoli e Amatrice. Ogni giorno sarà caratterizzato da concerti gratuiti aperti al pubblico e da un itinerario escursionistico.

La carovana jazz arriverà all’Aquila il 31 agosto per fermarsi anche domenica 1 settembre, per il gran finale.

Oltre ai big già annunciati – Ornella Vanoni e Fabio Concato – il programma proporrà, complessivamente, le esibizioni di oltre cento musicisti che suoneranno in 18 diverse postazioni, con alcune location d’eccezione che verranno impiegate per la prima volta, come l’interno della Basilica di Collemaggio e la chiesa di Santa Maria del Suffragio.

Un’altra novità di questa edizione sarà la netta maggioranza delle donne sugli uomini tra i musicisti che saliranno sul palco. Una scelta fatta per tentare di abbattere lo stereotipo machista secondo il quale la musica, e il jazz in particolare, siano un affare per uomini. I numeri parlano chiaro: qualche tempo fa Nuovoimae, uno egli sponsor dell’evento, ha curiosato nella propria banca dati e ha scoperto che le interpreti, in Italia, sono appena l’8,77 per cento dei suoi diecimila iscritti.

Ad aprire la due giorni aquilana sarà l’organista e clavicembalista Claudio Astronio, che suonerà sabato alle 18:30 all’interno della chiesa delle Anime Sante.

Ornella Vanoni si esibirà poco più tardi, alle 21, a piazza Duomo, insieme a Roberto Cipelli (pianoforte), Loris Leo Lari (contrabbasso) e Stefano Pisetta (batteria).

Nella stessa serata, condotta dall’attrice Lella Costa, sono previste anche le esibizioni di Karima, Nicky Nicolai e Stefano di Battista e di Cristina Zavalloni.

Si chiama invece “Back to Bach” il concerto che Paolo Fresu terrà insieme a Daniele Di Bonaventura (bandoneon, pianoforte) e all’ensemble “Virtuosi Italiani” domenica 1 settembre alle 10:30 all'interno della Basilica di S. Maria di Collemaggio. Lo spettacolo è un viaggio musicale che spazia dal repertorio barocco a pagine più contemporanee, da Johann Sebastian Bach all'improvvisazione jazzistica.

A tenere il concerto di chiusura - domenica alle 19:30 a piazza Duomo – sarà invece Fabio Concato, accompagnato da Paolo Di Sabatino (piano), Glauco Di Sabatino (batteria) e Marco Siniscalco (basso).

Tra gli altri appuntamenti, vanno segnalati “Abbey’s road”, l’omaggio che la cantante Ada Montellanico tributerà, insieme al trombettista Giovanni Falzone, a Abbey Lincoln, una delle più grandi jazz singer di tutti i tempi (domenica 1 settembre, piazza Chiarino, ore 17:30); l’esibizione che il quintetto della cantante Emanuela Di Benedetto terrà davanti quel che resta della Casa dello Studente (1 settembre, ore 12); il concerto della cantante Maria Pia De Vito con il quartetto d’archi Alborada, un organico che dalla musica classica spazia nella musica contemporanea con particolare riferimento alla musica minimale.

All’interno della manifestazione, ci sarà anche l’assegnazione di un premio alla carriera a Enrico Rava, che ha festeggiato da poco il suo ottantesimo compleanno e il cinquantesimo anno di attività come musicista.  Al momento, però, la presenza del trombettista e compositore non è ancora confermata.

Articoli correlati (da tag)

Chiudi