Economia

"Dobbiamo sostenere con forza la richiesta della Regione di Abruzzo di rivedere la proposta di riparto decisa dalla Conferenza Stato-Regioni per le aree da inserire nella Carta degli aiuti di Stato. A leggere la delibera di Giunta del 5 maggio, però, si lascia intendere che qualora non dovesse arrivare il via libera all'allargamento richiesto, il cratere potrebbe restare fuori dalla programmazione 2014-2020. Sarebbe una scelta scellerata, non possiamo permetterlo". A parlare è il segretario provinciale della Cgil, Umberto Trasatti. Che…
"L’Aquila torna 'questione nazionale' ad ogni consultazione elettorale, argomento per le schermaglie politiche tra centrodestra e centrosinistra che si consumano sulla pelle dei cittadini del cratere". A denunciarlo, in una nota, Anna Lucia Bonanni, candidata alle prossime elezioni europee nella Circoscrizione Sud, con la lista de 'L'Altra Europa con Tsipras': "Il Presidente della Regione uscente e ricandidato Gianni Chiodi – incalza Bonanni – pone oggi il problema della ripartizione dei fondi per gli aiuti di stato che l’Unione Europea concede…
"Non possiamo accettare quanto deciso dalla Conferenza Stato-Regioni a proposito dei criteri fissati per le aree da inserire nella Carta degli aiuti di Stato. Il terremoto, che ha devastato il territorio aquilano ed ha fiaccato l'economia e lo sviluppo di un'intera regione, non puo' essere confinato a problema locale, lasciando agli amministratori regionali il compito di risolvere i grandi problemi ancora in attesa di soluzione. Il Governo italiano e l'Europa, per le proprie competenze, hanno il dovere di supportare con…
"Non possiamo accettare quanto deciso dalla Conferenza Stato-Regioni a proposito dei criteri fissati per le aree da inserire nella Carta degli aiuti di Stato. Il terremoto, che ha devastato il territorio aquilano ed ha fiaccato l'economia e lo sviluppo di un'intera regione, non puo' essere confinato a problema locale, lasciando agli amministratori regionali il compito di risolvere i grandi problemi ancora in attesa di soluzione. Il Governo italiano e l'Europa, per le proprie competenze, hanno il dovere di supportare con…
E' arrivato nella serata di ieri il via libera dell'aula del Senato alla fiducia posta dal governo sul Decreto Lavoro. I voti a favore sono stati 158 e i contrari 122 (281 i presenti in Aula, 280 i votanti). Il testo su cui l'esecutivo ha incassato la fiducia - che contiene le modifiche frutto della mediazione tra le forze di maggioranza - tornerà ora all'esame della Camera, che deve convertire il decreto in legge entro il 19 maggio. Un voto…
Chiudi