Stampa questa pagina
Lunedì, 17 Giugno 2019 15:07

Povertà, Marsilio: "Numeri preoccupanti, lavoriamo ad un Abruzzo più solidale"

di 

"Un Abruzzo più solidale e meno povero: è quello che vogliamo realizzare. La Regione si propone per dare vita ad una cabina di regia che veda protagonista le organizzazioni di volontariato e gli enti del terzo settore e promuova una governance delle politiche sociali. E' una nostra priorità varare un piano anti-povertà regionale che metta insieme fondi regionali, ministeriali e comunitari, che si affianchi a quello nazionale, mirato sul diritto agli alimenti, alla casa ed al lavoro delle persone".

Lo ha detto il Presidente della giunta regionale, Marco Marsilio intervenendo al convegno organizzato, a L'Aquila, dalla direzione regionale Inps dal titolo "Il contrasto alla povertà in Abruzzo: Analisi, Sinergie, Progetti". Presenti il Presidente dell'Inps Pasquale Tridico, il Direttore Generale Gabriella Di Michele e il Presidente del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell'Istituto, Guglielmo Loy.

"Il contrasto alla povertà in Abruzzo, - ha proseguito Marsilio - la lotta all'emarginazione sociale, l'attuazione di concrete misure di sostegno alle fasce più fragili della popolazione, rappresentano per noi una battaglia di civiltà e una priorità della nostra azione amministrativa. Il fenomeno della povertà è particolarmente preoccupante, perché malgrado i timidi segnali di ripresa sul fronte economico e occupazionale, si allarga il novero dei 'nuovi poveri'".

Al numero già allarmante - 5 milioni di italiani vivono, o sarebbe più corretto dire che sopravvivono, in condizioni di disagio - vanno sommati i poveri non censiti, i tanti che rifiutano ogni forma di aiuto per un senso di vergogna. "Ci sono territori, poi, come quello dell'Aquila, che hanno subito eventi disastrosi come il terremoto, che hanno messo a dura prova le popolazioni, esponendole ancora di più alla povertà, ma altrettante difficoltà vivono i centri montani afflitti dallo spopolamento. Anche per questo - ha concluso Marsilio - ringrazio l'INPS per aver assunto questa preziosa iniziativa: perché è dalla sinergia tra enti che si possono determinare azioni mirate con progetti centrati non limitatamente a singole categorie di persone ma rivolte all'intera comunità. Va attuata una lotta senza quartiere alla ludopatia e stanziati dei fondi per il recupero di chi ne è dipendente. Occorre prevedere l'incentivazione dei contributi a favore di enti che garantiscano i servizi di mensa e dormitorio, una specifica modifica della normativa regionale in materia di edilizia popolare che garantisca il diritto alla casa dell'indigente e promuova e sostenga tutte le forme di housing sociale nonché l'introduzione di modelli di coabitazione per le persone sole indigenti".

Articoli correlati (da tag)