Stampa questa pagina
Martedì, 27 Agosto 2019 11:03

Provincia dell’Aquila: meno ore di cassa integrazione e più licenziamenti

di 

Analizzando i dati relativi agli interventi a sostegno dell’occupazione forniti dall’Inps regionale in provincia dell'Aquila sul primo semestre del 2019, si riscontra una diminuzione dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali rispetto allo stesso periodo del 2018; contestualmente, però, aumentano le domande di disoccupazione, con una tendenza a dir poco preoccupante se prendiamo a riferimento l’andamento degli ultimi due anni. In effetti, il dato al 2017 relativo ai beneficiari d'indennità di disoccupazione nelle varie forme previste (Aspi-Mini Aspi-Naspi-Discoll) era di 5061 beneficiari, balzati successivamente a 7125 con un incremento di 2064 domande nel 2018, mentre nel primo semestre 2019 si riscontra un ulteriore incremento con 7402 beneficiari. Tutto ciò sta a significare che la diminuzione dell’utilizzo degli ammortizzatori sociali molto spesso corrisponde ad un aumento delle domande di disoccupazione.

A fare il punto sono Francesco Marrelli, segretario Cgil della provincia dell’Aquila, e Dario Angelucci, direttore del Patronato Inca Cgil provinciale.

A giustificare tale andamento - aggiungono i rappresentanti sindacali - c’è il limite massimo di utilizzo della cassa integrazione sia ordinaria che straordinaria da parte delle aziende, con conseguente licenziamento di personale.

"Il dato che desta ulteriore preoccupazione è quello relativo all’utilizzo della cassa integrazione straordinaria nel settore commercio dove, dopo circa due anni di inutilizzo degli ammortizzatori sociali, nel primo semestre di quest’anno risultano già richieste e autorizzate 58.240 ore", aggiungono Marrelli e Angelucci. "Nell’industria il settore carta, stampa ed editoria è quello che maggiormente ha utilizzato la cassa integrazione straordinaria. Come avevamo denunciato mesi fa, la conclusione dell’utilizzo dello strumento della cassa integrazione straordinaria per la gestione della crisi, avendo le aziende raggiunto il periodo massimo per usufruirne, sta sfociando in licenziamenti lì dove non sia stata ripresa l’attività lavorativa ordinaria".

La provincia dell’Aquila resta dunque un territorio in crisi, con ricette economiche che tardano a portare i risultati attesi, con un andamento occupazionale che tarda a dare segnali di ripresa e un sistema industriale fragile e soggetto a delocalizzazioni e cessazioni di attività, fatta eccezione per quei settori che pur rimanendo trainanti nell’economia provinciale vedono comunque una difficoltà di ulteriore espansione, con investimenti finalizzati al mantenimento degli attuali livelli occupazionali. "Il nostro territorio provinciale vive una grave condizione di spopolamento delle aree montane dovuta alla scarsità di lavoro e di servizi offerti alla collettività. Inoltre secondo i dati Istat si stimano, nel decennio 2009-2019, circa 10.200 residenti in meno in tutta la provincia, mentre nel solo triennio 1° gennaio 2016 - 1° gennaio 2019 c’è stato un delta negativo di 4208 residenti. Tutto ciò è dovuto anche a un saldo naturale tra mortalità e natalità costantemente in negativo".

Il nostro territorio necessita quindi di interventi straordinari in termini di investimenti in sanità, trasporti, infrastrutture, scuole, cultura, messa in sicurezza del territorio, agevolazioni per l’accesso al credito per le piccole e medie imprese. Pertanto c’è bisogno del coinvolgimento di tutte le istituzioni, dando seguito a una vera strategia per le aree interne, per rendere efficienti ed efficaci gli strumenti esistenti per il rilancio delle attività produttive, finalizzandoli a una maggiore occupazione stabile e di qualità.

Ultima modifica il Martedì, 27 Agosto 2019 11:15

Articoli correlati (da tag)