Interviste

di Paola Grande - Cinque voci del panorama artistico cittadino saranno protagoniste di una breve rubrica che, da oggi a sabato, sarà interamente dedicata alla musica. L'idea nasce dalla volontà di dar spazio ai giovani talenti aquilani descrivendo le diverse realtà che li hanno visti crescere come artisti nella città in cui da sempre coltivano il loro sogno. Insieme, compongono un quadro molto variegato di storie ed esperienze ma all'unisono celebrano la musica come strumento di condivisione e sintonia tra i…
L'appuntamento è alle 11 di un lunedì di aprile. Il luogo è l'appartamento al quinto piano di un bel palazzo situato in una traversa di via del Tritone, a due passi da piazza Barberini. Mario Fiorentini mi aspetta nel suo studio, una stanza luminosa, piena di libri. Le finestre, che danno sulla strada, sono aperte ma i rumori del traffico di Roma arrivano lontani, attutiti. Quando entro, lo trovo seduto nella sua poltrona intento a conversare con un amico. Nonostante…
"Dover rinunciare alla passione della tua vita lascia un vuoto che difficilmente può essere colmato. Costringersi ad altro, estranei alla propria natura, sprofondare dentro se stessi e non riconoscersi, affiorare per sopravvivere, sono sensazioni che evocano pensieri e stati d'animo spesso contrastanti. Si susseguono momenti di rassegnazione ad altri di forte attaccamento alla vita, di distacco e di condivisione, di ombre e di luci". Pensieri, stati d'animo, momenti che sono stati di Nicoletta di Stefano, ventenne aquilana, e che sono…
Auditorium del Parco pieno ieri a L'Aquila per la prima presentazione ufficiale del nuovo libro di Annalisa De Simone, Non adesso, per favore, edito dalla casa editrice Marsilio.Malgrado sia appena uscito, il romanzo della giovane scrittrice aquilana - il suo secondo, dopo l'esordio Sola andata, pubblicato nel 2013 da Baldini & Castoldi - è già diventato un piccolo caso letterario e editoriale. Dopo aver ottenuto recensioni entusiastiche su alcune importanti testate nazionali - Corriere della Sera, Panorama, Grazia, Il Fatto…
"L'Aquila sarà una ridente città di 80-90 mila abitanti, non ne vorrei di più, con uno dei centri storici più belli d'Europa, completamente pedonale, una città smart, con la fibra ottica sin dentro le case, collegata al comprensorio con la metropolitana di superficie, attraversata da piste ciclabili con biciclette a pedalata assistita. Una città che vivrà di industria in settori strategici come il chimico-farmaceutico, lo spazio, le energie rinnovabili, con un data center intorno a cui nascerà una filiera interessante,…
Chiudi