News

E' grande festa al “Fattori” per la prima storica promozione della Gran Sasso Rugby in serie A. Con un'impresa d'altri tempi gli aquilani travolgono i Ruggers Tarvisium 26 a 9 (5-0) e conquistano la serie A. Per il sodalizio è una giornata epica, come anche per tutto il movimento rugbystico aquilano. Di fronte al grande pubblico del “Fattori” (più di 2mila gli spettatori presenti) i padroni di casa partono timidi, intimoriti dai trevigiani, forti del 22 a 5 dell'andata. Due…
L'Aquila perde 1-0 a Chieti e in virtù del 2-0 dell'andata passa meritatamente in finale play off dove incontrerà il Teramo che a sorpresa batte 1-0 l'Aprilia in trasferta dopo l'1-1 dell'andata. Finale tutta abruzzese quindi, con la formazione di Pagliari che affronterà il match partendo dal miglior piazzamento durante il campionato regolare che gli consente due risultati utili a disposizone su tre con supplementari inclusi in caso di parità. L'andata di finale si giocherà nello stadio di Piano D'Accio…
Eutanasia legale: un tema scomodo, spinoso nel nostro paese. Eutanasia è una parola tabù, un argomento da evitare se possibile. Eppure è un problema sociale, una realtà che riguarda tanti di noi, che sfiora le corde della nostra sensibilità come nel dicembre scorso, quando Mario Monicelli si è suicidato gettandosi dal quinto piano del reparto di urologia dell’Ospedale San Giovanni di Roma. Aveva da tempo un cancro alla prostata in fase terminale. Come lui, ogni anno, sono un migliaio i…
Si è tenuta ieri pomeriggio, al Palazzetto dei Nobili, la presentazione di "In pieno vuoto. Uno sguardo sul territorio aquilano", di Antonio Di Cecco [Peliti Associati, 2013], e "Spaesati. Luoghi dell'Italia in abbandono tra memoria e futuro", di Antonella Tarpino [Einaudi, 2012]. I due autori, insieme a Laura Moro, Benedetta Castelli Guidi e Alberto Saibene, hanno discusso e illustrato le loro opere, diverse ma complementari. Hanno sviscerato di fronte al pubblico le motivazioni di tali lavori, riflettendo sul significato particolare che…
Quattromila persone (secondo gli organizzatori, in realtà molte meno) hanno preso parte, questa mattina, alla manifestazione regionale unitaria di Cgil, Cisl e Uil che si è tenuta all'Aquila. I sindacati confederali abruzzesi hanno scelto il centro storico del capoluogo, assurto a simbolo di un Paese in declino, per parlare di ricostruzione, lavoro e sociale. Gli stessi temi che saranno al centro della mobilitazione nazionale che ci sarà il 22 giugno a Roma.
Chiudi