News

“Girlfriend in a coma”, documentario di Annalisa Piras e Bill Emmott è stato presentato a L’Aquila, alla presenza e per volontà degli autori, il 14 febbraio subito dopo la prima a Roma al Teatro Eliseo. Il film è stato anticipato dalle polemiche sull’annullamento della proiezione inizialmente prevista al museo di arte contemporanea della capitale “Maxxi” perché, a detta del Ministero per i beni e le attività culturali, viola le norme di par condicio pre elettorali.
Sì al registro delle unioni civili. Con 10 favorevoli, 2 contrari e un astenuto la IV Commissione Consiliare ha detto sì al registro delle unioni civili. La proposta di delibera – scaricabile qui – è frutto dell'unificazione di due testi pervenuti in commissione da parte di Appello per L'Aquila (che aveva lanciato la proposta lo scorso settembre) e dell'assessorato alle politiche sociali. Durante la seduta l'assessora Stefania Pezzopane ha ringraziato il consigliere di Appello per L'Aquila Ettore Di Cesare per la riuscita del lavoro di unificazione…
Nella giornata di oggi, Appello per L’Aquila ha presentato un documento per il ritiro immediato del progetto della Galleria piazza Duomo: “La proposta dell’amministrazione comunale di realizzare un centro commerciale sotterraneo di tre piani con annesso parcheggio”, si legge sul sito, “appare come l’ennesima negazione di una corretta ricostruzione del centro storico, sia dal punto di vista storico-culturale, sia per quanto riguarda la sua rivitalizzazione. È indice di una gestione della città che fin dall’inizio ha rifiutato una visione d’insieme…
A L'Aquila il registro delle unioni civili diventa realtà. Con 19 voti favorevoli, 3 astenuti e 2 contrari, il consiglio comunale stamane ha approvato la delibera per l'istituzione del registro e del relativo regolamento. Sulla base di quest’ultimo vengono considerate «unioni civili» i rapporti tra due persone maggiorenni, di diverso o dello stesso sesso, che non siano legate tra loro da vincoli giuridici e che ne abbiano chiesto la registrazione amministrativa. Il testo è frutto dell'unificazione della proposta dell'assessorato alle politiche…
E' stato uno sciopero globale, un appello alle donne e agli uomini per dire "no" alla sottocultura dello stupro, un atto di solidarietà, un rifiuto ad accettare la violenza contro le donne e le ragazze come qualcosa di ineluttabile, un nuovo modo di essere. Anche a L'Aquila, come in migliaia di città nel mondo, nella serata di ieri una cinquantina di donne si sono date appuntamento per un flash mob sulle note di "Jay Ho" e hanno abbracciato, così, la campagna ". Per…
Chiudi