Politica

Quando sentii Renzi nel confronto diretto con gli altri contendenti alle primarie del Pd, poi vinte da Bersani, pensai fosse capace di comunicare ad un altro livello. E’ la stessa cosa che ho pensato ieri ascoltando Luciano D’Alfonso a L’Aquila, in viaggio a vele spiegate e col vento in poppa verso la leadership della coalizione di centrosinistra alle elezioni regionali di maggio. D’Alfonso comunica in maniera efficace e coinvolgente, sa bene a chi sta parlando e cosa dire. Come Renzi,…
"Carissime cittadine e carissimi cittadini di L’Aquila, in rappresentanza della Commissione “Oltre il MUSP” di Sassa vi scrivo per evidenziare e condividere una latitanza istituzionale nel settore della ricostruzione scolastica post sisma lunga ormai un lustro". Si apre con queste parole la lettera aperta che 'Oltre il Musp' - a firma di Silvia Frezza, docente della scuola di Sassa - ha inviato alla città, dopo mesi di battaglie inascoltate. "Subito dopo il terremoto parve che gli stessi politici comprendessero immediatamente l’importanza…
"Che cos'ha L'Aquila di unico? Se dovessi spiegarlo, lo farei come se mi stessi rivolgendo a un bambino e direi: L'Aquila ha la bellezza". L'eloquio fitto, torrenziale, evocativo, a tratti ammiccante, di Luciano D'Alfonso - ieri pomeriggio all'Aquila per inaugurare la campagna elettorale in vista delle primarie del centrosinistra del 9 marzo - conquista il pubblico del capoluogo radunatosi all'auditorium Sericchi di via Strinella, gremito in ogni ordine di posti. Una platea, quella che assiste al comizio dell'ex sindaco di…
"Ok Senato, ora Camera. Poi si lavora". Con un tweet alle 7 di questa mattina, Matteo Renzi ha dato il 'buongiorno' dopo aver incassato - nella notte, intorno all'una - la fiducia del senato: 169 i voti al nuovo esecutivo. In altre parole, nessuna defezione inattesa. La maggioranza, però, non si allarga e il margine per il giovane premier è tutt'altro che rassicurante. Così come la freddezza di Palazzo Madama - e della maggioranza, in particolare - nel primo passaggio…
E' il giorno della fiducia. Alle 14 - come previsto dall'articolo 94 della Costituzione - il governo Renzi affronterà il suo primo passaggio parlamentare, con il voto in Senato. Domani toccherà alla Camera. Il voto avverrà “per appello nominale” con una mozione discussa e motivata. Ottenuta la fiducia di entrambe le Camere, il presidente del Consiglio e i suoi ministri potranno avviare l'attività di governo. Al Senato, il governo Renzi avrà bisogno di superare la maggioranza assoluta di 161 per…
Chiudi